Agentzia sarda intradas - Agenzia sarda entrate

AGENTZIA SARDA DE SAS INTRADAS 

CONTRA AGENZIA DELLE ENTRATE e EQUITALIA

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

 «Errare humanum est» naraiant sos latinos, ma persighire est diabòicu. Pro la nàrrere a sa sarda: «Ischeddende e chentza ischeddare». Su primu a coniare su tèrmine “vertèntzia intradas” est istadu deghe annos a como pròpiu Francesco Pigliaru, cando fiat Assessore a sa Programmatzione e a su Bilàntziu in sa giunta Soru e si fiat abbistu chi s’Istadu non pagaiat su chi nos depiat dare dae su 1991. Dae tando a oe sunt barigados belle 10 annos e galu si faeddat de “vertèntzia intradas”.

In sa legislatura sighente, su guvernu regionale Cappellacci aiat fatu recursu, e l’aiat bìnchidu, a sa Corte Costitutzionale in mèritu a su diritu de sa Regione de pònnere in bilàntziu sas intradas dèpidas a sa Sardigna pro istatutu. Sa giunta Pìgliaru, imbetzes, no at chèrfidu chertare dereta cun su guvernu “amigu” de Renzi e at improntadu sas relatas cun s’istadu cun intentu collaborativu. At naradu s’Assessore a sa Programmatzione e Bilàntziu Paci, friscu de nòmina, in su mese de maju de ocannu: «S’acordu cun su Guvernu est fissadu subra sa paris fidùtzia».

Carchi mese a pustis de àere firmadu su “Patu de istabilidade” (24 de cabudanni 2014), Pigliaru e Paci ant declaradu: «Custu est su caminu giustu pro dare a sa Sardigna sa possibilidade de fàghere sèrias polìticas de bilàntziu»; francu si torrare a mandigare totu su chi aiant naradu finas a tando, tantu chi, su 2 de Santu Gaine 2014, faghiant votare a totu su Consìgiu Regionale, pro sa prima borta a cumone, sa norma chi sa Regione non diat àere retiradu sos recursos dae sa Corte Costitutzionale si s’Istadu no aeret respetadu sos acordos. In sardu si narat: «Si cheres chi sa paghe si mantèngiat, unu pratu andet e unu bèngiat».

Sas cosas non si sunt postas pro nudda bene cando sa Ragioneria de s’Istadu nos at fatu ischire chi nos depet dare 130 milliones in mancu ca in su 2013 sa Sardigna at introitadu prus pagu cunforma a s’annu in antis. Ma sa brulla prus manna nos l’at fata Renzi cun sa Lege noa de istabilidade boghendeˑnde a sa Sardigna 97 milliones de euro, chi s’agiunghent a sos àteros 570 chi depimus pagare pro sanare su disavantzu natzionale.

Como paret chi Pigliaru apat ischeddadu! Tantu est chi, su 17 de Santu Gaine 2014, at naradu: «Cun custas segaduras de dinari at a èssere difìtzile finantziare programmas de isvilupu e, non bastat, at a èssere a arriscu mannu sa matessi possibilidade de guvernare sa Sardigna».

E tando ite cherimus fàghere? Bolimus torrare a mandare unu sinnu de “Paci” a su Guvernu italianu o, imbetzes, cumentzare a nos defensare? Deo dia nàrrere chi sa prima cosa de fàghere est cussa de nde bogare dae manos sa cassa de su dinari nostru a s’Istadu, ca in custu momentu chi su dinari est pagu, e chi su Guvernu est abramidu, est comente a pònnere unu matzone a bardiare sas puddas.

Est ora de leare in manu s’Istatutu regionale e atuare su chi nartat s’art. 9: «Sa Regione podet dare a sos òrganos de s’Istadu s’atzertamentu e s’intròitu de sos tributos pròpios». Cun su verbu “podet”, si cheret nàrrere chi sa Regione “si cheret” podet, si “non cheret” podet incassiare issa etotu sos tributos pròpios inditados in s’artìculu 8.

Custu dinari s’Istadu no lu podet tocare ca s’Istatutu regionale est Lege Costitutzionale e non podet èssere derogadu dae una lege ordinària istatale, mancari siat una lege finantziària. De sas intradas pròpias nostras, s’Istadu si depet tènnere una parte mìnore ebbia. Tando proite li depimus lassare s’incàssiu de totu sa summa, isentende a pustis chi nos diat sa cuota chi nos isetat? Non diat èssere prus giustu a tènnere nois su dinari e a torrare a s’Istadu sa parte sua?

Si andades a bìdere su consìgiu de amministratzione de Equitalia, bos rendides luego contu chi sa sede de Equitalia Centro, dae ue dipendet sa Sardigna, nch’est in Firenze e chi totu su personale est de foras. Si in prus andades a abbaidare Equitalia Sud, bos abigiades in presse chi mancat sa Sitzìlia, matessi Regione Autonoma a Istatutu Ispetziale comente sa Sardigna, ca sos Sitzilianos ant pensadu bene de incassiare sas intradas issoro dae un’agentzia controllada dae sa Regione. Pro tantu “Riscossione Sicilia”, gasi si narat s’agentzia sitziliana, est pro su 99,885% de propriedade de sa Regione Sitziliana e pro su 0,115% de propriedade de Equitàlia.

Mirade bene, no est chi sos Sitzilianos ant fatu custa sèbera ca ant un’Istatutu mègius de su nostru, issos matessi podent dare a òrganos de s’Istadu s’atzertamentu e s’incàssiu de sos tributos, ma ca ant ischeddadu in antis de a nois a non lassare in manos angenas su dinari issoro.

E nois? A cando una Agentzia Sarda de sas Intradas? Semus ischeddende e chentza ischeddare! Semus faghende comente cudda pobidda chi maletratada dae su maridu, pro no lu dare a bìdere sas comares, sighiat a lu defensare narende: «Prus m’iscudet e prus bene lu chèrgio».

 

  AGENZIA SARDA DELLE ENTRATE 

CONTRO AGENZIA DELLE ENTRATE E EQUITALIA

 «Errare humanum est» dicevano i latini, ma perseverare è diabolico. È come dire alla sarda: «Imparando la lezione, m senza volerla imparare». Il primo a coniare il termine “vertenza entrate” è stato dieci anni a fa proprio Francesco Pigliaru, quando era Assessore alla Programmazione e al Bilancio nella giunta Soru e si era accorto che lo Stato non pagava quello che ci spettava dal 1991. Da allora a oggi sono passati ben 10 anni e ancora si parla di “vertenza entrate”.

Nella seguente legislatura, il governo regionale Cappellacci aveva fatto ricorso, e lo aveva vinto, alla Corte Costituzionale in merito al diritto della Regione de mettere in bilancio le entrate dovute alla Sardigna per statuto. La giunta Pigliaru, invece, non ha voluto direttamente scontrarsi con il governo “amico” di Renzi e ha improntato le relazioni con intenzioni collaborative. Ha detto l’Assessore alla Programmazione e Bilancio Paci, fresco di nomina, nel mesi di maggio di quest’anno: «L’accordo con il Governo è fissato sulla parità di fiducia».

Qualche mese dopo  aver firmato il “Patto di stabilità” (24 di settembre 2014), Pigliaru e Paci hanno dichiarato: «Questa è la strada giusta per dare alla Sardegna la possibilità di fare serie politiche di bilancio»; tranne poi rimangiarsi tutto quello che avevano detto fino ad allora, tanto che, il 2 ottobre 2014, facevano votare a tutto il Consiglio Regionale, per la prima volta ad unanimità, la norma secondo cui la Regione non avrebbe ritirato i ricorsi dalla Corte Costituzionale se lo Stato non avesse rispettato gli accordi. In sardo si dice: «Se vuoi che la pace si mantenga, un piatto vada e uno venga».

Le cose non si sono messe per niente bene quando la Ragioneria dello Stato ci ha fatto sapere che ci deve dare 130 milioni in meno poiché nel 2013 la Sardegna ha incassato meno rispetto all’anno precedente. Ma lo scherzo più brutto ce lo ha giocato Renzi con la Legge di Stabilità, togliendo alle regioni 4 miliardi di euro. La parte che spetta alla Sardegna dovrebbe essere di 97 milioni di euro, che si aggiungono agli altri 570 che dobbiamo pagare per sanare il disavanzo nazionale.

Ora sembra che Pigliaru abbia imparato la lezione! Infatti, il giorno 17 ottobre 2014 ha detto: «Con questo taglio di risorse sarà difficile finanziare programmi di sviluppo e, non basta, sarà a rischio la stessa possibilità di governare la Sardegna».

E allora che cosa vigliamo fare? Vogliamo di nuovo mandare un segno di “Paci” al Governo italiano o, invece, comincia rea difenderci? Io direi che la prima cosa da fare sia quella di togliere la cassa dei nostri denari dalle mani dello Stato, poiché in questo momento che i soldi sono pochi, e che il Governo è molto affamato, sarebbe come lasciare una volpe a guardia delle galline.

È ora di prendere in mano lo Statuto regionale e rendere attuativo l’art. 9: «La Regione può affidare agli organi dello Stato l’accertamento e la riscossione dei propri tributi». Con il verbo “può”, si intende dire che la Regione “se vuole” può, se “non vuole” può incassare per proprio conto i tributi propri di cui parla l’articolo 8.

Lo Stato non può toccare questi soldi poiché lo Statuto regionale è legge Costituzionale e non può essere derogato da una legge ordinaria, sebbene sia una legge finanziaria. Delle entrate spettanti alla Sardegna, lo Stato deve tenersi una parte minore. Allora perché dobbiamo lasciargli l’incasso di tutta la somma, e aspettare in seguito chi ci dia la quota che ci spetta? Non sarebbe più giusto tenerci tutti i soldi e restituire alla Stato la sua parte?

Se andate a vedere il consiglio di amministrazione di Equitalia, vi renderete conto che la sede dei Equitalia Centro, da cui dipende la Sardegna, è a Firenze e che tutto il personale è esterno all’isola. Se inoltre andate a guardare Equitalia Sud, vi accorgerete subito che manca la Sicilia, anche essa Regione Autonoma a Statuto speciale come la Sardegna, poiché i Siciliani hanno pensato bene di incassare le loro entrate da un’agenzia controllata dalla Regione. Per tanto, “Riscossione Sicilia”, così è chiamata l’agenzia siciliana, appartiene per il 99,885% alla Regione Siciliana e per lo 0,115% ad Equitalia.

Osservate bene, non è che i Siciliani hanno fatto questa scelta perché hanno uno statuto migliore del nostro, loro stessi possono dare a organi dello Stato l’accertamento e la riscossione dei tributi, ma perché hanno imparato prima di noi a non lasciare i loro soldi in altre mani.

E noi? Quanto dobbiamo aspettare per avere una Agenzia Sarda delle Entrate? Stiamo imparando ma non vogliamo imparare! Stiamo facendo come quella moglie che maltrattata dal marito, per non darla a vedere alle comari, lo difendeva dicendo: «Più mi picchia e più gli voglio bene».