Immigratzione e invasione - Immigrazione e invasione

IMMIGRATZIONE DE MASSA IN SARDIGNA:

SA “POLÌTICA DE ACOGLIÈNTZIA” S’EST MUDENDE IN INVASIONE.

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

In àteros tempos semus istados invasos dae armadas prus fortes de sas nostras e, a mala gana, nos semus dèpidos arrèndere pro non pèrdere sa vida umpare a sa soberania. In medas ocasiones custos invasores sunt istados cramados dae soberanos chi istaiant in Sardigna cando, timende de pèrdere su podere, pensaiant de lu mantènnere cun s’agiudu de cunchistadores noos. Tenimus esempros in s’istòria sarda cando, gràtzias a tzertos cumandantes e pìscamos chi aiant fatu intrare in Sardigna soberanos furisteris, amus pèrdidu sa soberanidade in su logu.

Oe, pro tènnere in manu custu podere, chi est tremulende die cun die ca su pòpulu est istracu de lu mantènnere, sos rapresentantes polìticos nostros, parlamentares e regionales, ant pensadu bene de acunortare su Guvernu italianu pro nos fàghere invàdere dae populatziones extracomunitàrias. Indunu territòriu disastradu dae sa disocupatzione, in ue s’ùnica indùstria chi galu funtzionat est su turismu, sos cabupartidos nostros che madant a domo Ryanair pro mantènnere sa continuidade territoriale cun sas rotas de sos migrantes, imboidende sos albergos de turistas pro los prenare de extracomunitàrios.

Sos polìticos sardos, pro assegundare sos cabos issoro, ant naradu chi est giustu a agiudare chie s’agatat in dificultade e chi “unu bìculu de pane non si negat a niunu”. No est mancadu fintzas chie at propostu de dare terras e domos a sos immigrados. E, no abbastende, in custa cùrrida a fàghere “corrias largas in peddes angienas”, b’est chie s’est ispintu prus a tesu leende a crèntia paràulas santicas e narende: «Depimus tratare sos immigrados che frades, ca est sa cussèntzia nostra de cristianos chi nos l’imponet».

A custu puntu, unu tzitadinu comune, bidende dae cales bucas bessint custas afirmatziones, non podet fàghere a mancu de meledare e nàrrere abboghinende: «Ma su tale no est cussu chi at propostu de lassare sos pensionados nostros cun 600 euro su mese e aumentare sos vitalìtzios de oro? E cuddu àteru no est bodale chi at fatu dare totu su dinare a sas bancas lassende sos traballadores a buca asciuta? E fulanu no est cuddu chi at fatu fàghere sas “contrareformas” pro nos nde bogare totu sos diritos achiridos? Ma totu custas pessones non sunt sas matessi chi nos sunt guvernende dae annos a sunt responsàbiles de sa disaura sotziale de sas dies nostras?»

Tando custos, cando faeddant de umanidade e solidariedade, o sunt bessidos foras de conca o giughent in conca carchi àtera cosa meda prus importante. Luego e in presse mi torro a ammentare de sos soberanos chi pro non pèrdere su podere fiant dispònnidos a cale si siat cosa, cumpresa cussa de si fàghere invàdere dae un’esèrtzitu nou, pro si mantènnere a caddu. In su casu nostru, mancari chie est ocupende su territòriu sardu siat una trumada manna de pòveros disgratziados, sas finalidades de chie los est faghende intrare sunt semper sas matessi: preservare su podere cun s’istrategia de s’invasione e cun su motu “dividi et impera”.

Custos guvernantes, pro iscombussolare su fronte de sos opositores, nos sunt faghende bìdere chi esistit su “peus a su male” e sa “misèria a sa povertade”. Pro tantu sos Sardos no ant a dèpere gherrare ebbia contra sos cumandantes de semper, ma fintzas e in antis de totu contra sos immigrados chi ant a pònnere a arriscu cussu pagu chi est restadu de s’istadu sotziale: traballu, domos, diritu a s’istùdiu, istipèndios, sanidade, pintziones, e cantu àteru.

Ma su tempus de sos res e de sos soberanos a vida est peroe finidu. Su pòpulu at a votare sos rapresentantes istitutzionales suos seberendeˑlos intre sos “bonos òmines / bonas fèminas” chi in àteros tempos ant contradistintu sa sotziedade nostra. Narat unu dìciu sardu sàbiu: «Cantade e ballade bois, ca sos ballos sunt sos bostros, cando ant a bènnere sos nostros, amus a ballare nois». Como est bènnida s’ora de frimmare s’invasione e de che mandare a domo chie cheret fàghere ocupare sa terra nostra!

 

IMMIGRAZIONE DI MASSA IN SARDEGNA:

LA “POLITICA DI ACCOGLIENZA” SI STA TRASFORMANDO IN INVASIONE.

In altri tempi siamo stati invasi da armate più forti delle nostre e, volenti o nolenti, ci siamo dovuti arrendere per non perdere la vita insieme alla sovranità. In diverse occasioni questi invasori sono stati chiamati da sovrani che stavano in Sardegna quando, nel timore di perdere il potere, pensavano di mantenerlo con l’aiuto di nuovi conquistatori. Teniamo esempi di questo genere nella storia sarda quando, grazie a certi comandanti e vescovi che avevano invitato in Sardegna sovrani stranieri, abbiamo perso la sovranità sul luogo.

Oggi, per tenere in mano questo potere, che sta tremando giorno dopo giorno poiché il popolo è stanco di sostenerlo, i nostri rappresentanti istituzionali, parlamentari e regionali, hanno pensato bene di appoggiare il Governo centrale per farci invadere da altre popolazioni extracomunitarie. In un territorio disastrato dalla disoccupazione, dove l’unica industria che ancora funziona è il turismo, i nostri capipartito mandano via Ryanair per mantenere la continuità territoriale con le rotte dei migranti, svuotando gli alberghi di turisti per riempirli di extracomunitari.

I politici sardi, per assecondare i loro capi, dicono che è giusto aiutare chi si trova in difficoltà e che “un pezzo di pane non si nega e nessuno”. Non è mancato anche chi ha proposto di dare terre e case agli immigrati. E, come se non bastasse, in questa corsa a fare “strisce larghe sulla pelle altrui”, c’è chi si è spinto oltre prendendo in prestito parole sante e dire: «Dobbiamo trattare gli immigrati come fratelli, poiché è la nostra coscienza di cristiani che ce lo impone».

A questo punto, un cittadino comune, vedendo da quali bocche escono queste affermazioni, non può fare a meno di pensare e dire a voce altissima: «Ma il tale non è quello ha proposto di lasciare i nostri pensionati con 600 euro al mese e aumentare i vitalizi d’oro? E quell’'altro non è il tizio che ha fatto dare i soldi alle banche lasciando i lavoratori a bocca asciutta? E sempronio non è quello che ha fatto fare le “controriforme” per togliere i diritti acquisiti in anni e anni di lotte sindacali? Ma tutte queste persone non sono le stesse chi ci stanno governando da anni e sono responsabili del disastro sociale dei nostri giorni?»

Allora questi, quando parlano di umanità e solidarietà, o sono usciti fuori di senno o hanno in testa qualche altra cosa molto più importante. Subito mi ritornano in mente i sovrani che per non perdere il potere erano disposti a qualsiasi cosa, compresa quella di farsi invadere da un nuovo esercito, pur di mantenersi a cavallo. Nel nostro caso, sebbene chi sta occupando il nostro territorio sia una grande armata di poveri disgraziati, le finalità di chi li sta facendo entrare sono sempre le stesse: preservare il potere con la strategia dell’invasione e con in moto “dividi et impera”.

Questi governanti, per scombussolare il fronte degli oppositori, ci stanno facendo vedere che esiste il “peggio al male” e la “miseria alla povertà”. Pertanto da qui in avanti i Sardi non dovranno lottare solo contro i comandanti di sempre, ma anche e innanzitutto contro gli immigrati che metteranno a rischio quel poco che è rimasto dello stato sociale: lavoro, case, diritto allo studio, stipendi, sanità, pensioni, e quant'’altro.

Ma il tempo dei re e dei sovrani a vita è però finito. Il popolo voterà i suoi rappresentanti istituzionali scegliendoli fra i “bonos òmines / bonas fèminas” che in altri tempi hanno contraddistinto la nostra società. Dice un detto saggio sardo: «Cantate e ballate voi, perché i balli sono i vostri, quando verranno i nostri, balleremo noi». Ora è giunto il momento di fermare l’invasione e di mandare a casa chi vuole fare occupare la nostra terra!