Energia in Sardigna a costu zero - Energia in Sardegna a costo zero

SARDIGNA NOSTRA CONTRA SA MEGA CENTRALE DE GONNOSFANADIGA. 

SARDIGNA NOSTRA CONTRO LA MEGA CENTRALE DI GONNOSFANADIGA.

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

   Su Movimentu identitàriu “Sardigna nostra” fiat presente in Gonnosfanadiga pro nàrrere nono a sa megacentrale termodinàmica chi si cheret fraigare in cussu territòriu. “Benènnidos in ue su sole si frimmat de prus” fiat su slogan coniadu dae sa Provìntzia de Tàtari pro retzire sos turistas, in antis chi faleret sa note in sas provìntzias sardas. Sa matessi Provìntzia aiat promòvidu su “Patu de sos Sìndigos”, una fràsia de sonu artu chi cramaiat a sa memòria sos patos antifeudales de finitia de su ‘700, chi su còmpitu issoro diat èssere istadu cussu de elaborare unu Pianu energèticu de “rinnovàbiles” de giùghere a su Cossìgiu de Europa, ma chi s’est dapoi dimustradu un’iscàtula bòida dae su momentu chi no at produidu peruna deliberatzione in mèritu.

  S’indipendèntzia energètica in Sardigna no est cunsiderada de importu istratègicu in cantu sa Regione est abbarrada ancorada a su metanu, cando su restu de s’Europa s’est aviadu giai dae tempus deretu a s’impreu de energias rinnovàbiles a costu zero. Mentres s’Olanda at declaradu chi at a vietare sas màchinas a benzina e a gasòliu dae su 2025, inoghe in Sardigna calicunu faeddat galu de bogare su carbone dae sas minieras de su Sulcis; e si dae un’ala in Germania s’est dadu cuviu a sa revolutzione fotovoltàica cun pannellos chi tenturant sa lughe rendende indipendentes energeticamente mìgias de famìlias, inoghe in Sardigna sas populatziones gherrant pro non si fàghere fraigare in su territòriu issoro megacentrales ispeculativas.

  A nàrrere sa beridade sa Regione Sardigna at pensadu a sas energias rinnovàbiles dende in cuntzessione carchi mese a oe a sa Toscogeo s.r.l. su permissu de chircare risorsas geotèrmicas numenadu “Sardara” chi at a operare in sos comunes de Collinas, Gonnostramatza, Lunamatrona, Santu ‘Engiu Monreale, Seddori, Sàrdara, Biddanoafurru in sa Provìntzia de Aristanis e Mèdiu Campidanu, e at a pòdere trivellare su territòriu a fundu meda chirchende su calore chi benit dae sutaterra. Àteras cuntzessiones las ant dadas a impresas pro sa produtzione de energia fotovoltàica e energia eòlica cun bidente bassa produtividade e artu impatu ambientale. In dogni casu si tratat de cuntzessiones a aziendas energèticas chi ant a fàghere pagare a sos Sardos s’energia produida a prejos de mercadu.

  Ma benimus como a su PEARS, un’acrònimo chi diat pòdere pàrrere una de cussas orichinas chi medas giòvanos s’apicant a sa carena, mentres imbetzes no est àteru che su Pianu Energèticu Ambientale de sa Regione Sardigna, deliberadu su 28 de ghennàrgiu 2016, cun bisura otocentesca, chi at a interessare su perìodu 2015-2030. “Si consumas mèngius bi balàngias” est su slogan impreadu dae s’Assessoradu regionale de s’Indùstria pro presentare su progetu, chi sa premissa sua faghet giai tremulare sos bussos in cantu narat: «Intro su 2020 depimus lòmpere a s’obietivu de covacare cun funtes rinnovàbiles sa cuota de su 17,8% de sos consumos energèticos de s’Ìsula. Si no amus a resèssere a lòmpere a custu traguardu, sa Regione at a èssere santzionada cundunu prelievu in su bilànciu regionale, cundunu possìbile agràviu de sas impostas subra su tzitadinu e subra sas impresas».

  Nadu custu, chi cheret nàrrere in pagas paràulas “si no amus a lòmpere mai a cussa cuota amus a pagare s’energia a costos prus artos de cussos de como”, benimus a su programma Regionale pro s’energia. Uno si diat aisetare a pustis de custa premissa unu programma sèriu a andera lestra pro lòmpere a s’obietivu chi nos at impostu s’Unione europea, imbetzes… acoe ite cuntenit su PEARS: «Unu trastu importante pro sa realizatzione du custa istrategia est su metanu […]. Tocat de fàghere in presse e bene e su Pianu disignat cun pretzisione su caminu de leare […]». Custu cheret nàrrere chi sa Regione tenet galu in conca s’idea de metanizare s’Ìsula, a costu de pagare sas santziones prebìdidas pro su mancada lòmpida de s’obietivu subra sas energias rinnovàbiles.

  Est possìbile chi a calicunu de s’Assessoradu regionale de s’Indùstria non li siat bènnidu a conca de pensare de imbestire subra su sole chi in su territòriu nostru tocat 365 dies a s’annu? Si podet ancora pensare de metanizare s’Ìsula e de batire su metanu non s’ischit dae ue cando su restu de su mundu s’est rendende indipendente cun s’energia inesaurìbile produida dae su sole? Comente si faghet a no immaginare chi cun sos pannellos fotovoltàicos postos in sa cobertura de una domo in Sardigna si diat rèndere ogni famìlia indipendente energeticamente dae su restu de su mundu cundunu respàrmiu de 400 euro su mese? Est mai possìbile chi sos tzitadinos de Gonnasfanadiga depant gherrare pro non si fàghere impònnere in su territòriu issoro una megacentrale invasiva chi at a desertificare pro semper 236 ètaros de terrinu agrìculu?

  Sa nuntza de custas dies est chi sa regione at predispostu unu pianu de istantziamentu pro s’incumentzu de sa metanizatzione de s’ìsula de 1.578.000.000 euro. Cun su matessi dinari si podent installare in sas domos 315.000 impiantos fotovoltàicos chi produint energia a costu zero a meidade de sa populatzione sarda pro semper. Imbetzes, dae su momentu chi sa Regione depet lòmpere a su 17, 8% de rennovàbiles intro su 2020, b’est s’arriscu chi si fràighent àteras centrales comente cussa de Gonnosfanadiga. De seguru no amus a àere respostas a custas preguntas, ca cussos chi ant coniadu sa fràsia “Benènnidos in ue su sole si frimmat de prus” faghiant parte de sos matessi ischieramentos chi oe guvernant sa Sardigna e chi cun cussu slogan non bidiant su sole comente funte energètica ma comente abronzante naturale pro turistas.

www.sardignanostra.it

 

                  SARDIGNA NOSTRA CONTRO LA MEGA CENTRALE DI                                                                               GONNOSFANADIGA.

  Il Movimento identitario “Sardigna nostra” era presente a Gonnosfanadiga per dire no alla megacentrale termodinamica che si vuole costruire su quel territorio. “Benvenuti dove il sole si ferma più a lungo” era lo slogan coniato dalla Provincia di Sassari per accogliere i turisti, prima che calasse la notte sulle provincie sarde. La stessa Provincia aveva promosso il “Patto dei Sindaci”, una frase altisonante che richiamava alla memoria i patti antifeudali di fine ‘700, il cui compito sarebbe stato quello di elaborare un Piano energetico di “rinnovabili” da portare in Consiglio d’Europa, ma che si è poi dimostrato una scatola vuota dal momento che non ha prodotto neppure una deliberazione in merito.

  L’indipendenza energetica in Sardegna non è considerata di importanza strategica in quanto la Regione è rimasta ancorata al metano, quando il resto dell’Europa si è avviato già da tempo verso l’utilizzo di energie rinnovabili a costo zero. Mentre l’Olanda ha dichiarato che vieterà le auto a benzina e a gasolio dal 2025, qui in Sardegna qualcuno parla ancora di estrarre carbone dalle miniere del Sulcis; e se da una parte in Germania si è dato inizio alla rivoluzione fotovoltaica con pannelli che catturano la luce rendendo indipendenti energeticamente migliaia di famiglie, qui in Sardegna le popolazioni lottano per non farsi costruire nel territorio megacentrali speculative.

  Per la verità la Regione Sardegna ha pensato alle energie rinnovabili dando in concessione qualche mese fa alla Toscogeo s.r.l. il permesso di ricerca di risorse geotermiche denominato “Sardara” che dovrà operare nei comuni di Collinas, Gonnostramatza, Lunamatrona, San Gavino Monreale, Sanluri, Sardara, Villanovaforru nella Provincia di Oristano e Medio Campidano, e potrà trivellare il territorio a lunghe profondità per cercare il calore proveniente dal sottosuolo. Altre concessione sono state affidate a imprese per la produzione di energia fotovoltaica ed energia eolica con evidente bassa produttività e alto impatto ambientale. In ogni caso si tratta di concessioni ad aziende energetiche che faranno pagare ai Sardi l’energia prodotta a prezzi di mercato.

  Ma veniamo ora al PEARS, un acronimo che potrebbe sembrare uno di quei orecchini che molti giovani si appendono al corpo, mentre invece non è altro che il Piano Energetico Ambientale della Regione Sardegna, deliberato il 28 gennaio 2016, con visione ottocentesca, che interesserà il periodo 2015-2030. “Se consumi meglio ci guadagni” è lo slogan utilizzato dall’Assessorato regionale dell’Industria per presentare il progetto, la cui premessa fa già tremare i polsi in quanto dice: «Entro il 2020 dobbiamo raggiungere l’obiettivo di coprire con fonti rinnovabili la quota del 17,8% dei consumi energetici dell’Isola. Se non dovessimo raggiungere questo traguardo, la Regione verrà sanzionata attraverso un prelievo nel bilancio regionale, con un possibile aggravio delle imposte sul cittadino e sulle imprese».

  Detto questo, che significa letteralmente “se non raggiungeremo questa quota dovremo pagare l’energia a costi più alti di quelli attuali”, veniamo al programma Regionale per l’energia. Uno si aspetterebbe dopo questa premessa un programma duro a tappe forzate per il raggiungimento dell’obiettivo impostoci dall’Unione europea, invece… ecco cosa contiene il PEARS: «Uno strumento importante per la realizzazione di questa strategia è il metano […]. Occorre fare presto e bene e il Piano disegna con precisione la strada da intraprendere […]». Questo significa che la Regione ha ancora in testa l’idea di metanizzare l’Isola, a costo di pagare le sanzioni previste per il mancato raggiungimento dell’obiettivo sulle energie rinnovabili.

  È possibile che a qualcuno dell’Assessorato regionale dell’Industria non sia venuto in mente di pensare ad investire sul sole che sul nostro territorio batte 365 giorni all’anno? Si può ancora pensare di metanizzare l’Isola e di portare il metano non si sa da dove quando il resto del mondo si sta rendendo indipendente con l’energia inesauribile prodotta dal sole? Come si fa a non immaginare che con i pannelli fotovoltaici montati sul tetto di una casa in Sardegna si renderebbe ogni famiglia indipendente energeticamente dal resto del mondo con un risparmio medio mensile di 400 euro? È mai possibile che i cittadini di Gonnasfanadiga debbano lottare per non farsi imporre nel loro territorio una megacentrale invasiva che desertificherebbe per sempre 236 ettari di terreno agricolo?

  La notizia di questi giorni è che la regione ha predisposto un piano di stanziamento per l’inizio della metanizzazione dell’isola di 1.578.000.000 euro. Con la stessa cifra si possono installare sulle case 315.000 impianti fotovoltaici che producono energia a costo zero a metà della popolazione sarda per sempre. Invece, dal momento che la Regione deve raggiungere il 17, 8% di rinnovabili entro il 2020, c’è il rischio che si costruiscano altre centrali come quella di Gonnosfanadiga. Probabilmente non avremo risposte a queste domande, poiché coloro che hanno coniato la frase “Benvenuti dove il sole si ferma più a lungo” appartenevano agli stessi schieramenti che oggi governano la Sardegna e che con quello slogan non vedevano il sole come fonte energetica ma come abbronzante naturale per turisti.

www.sardignanostra.it

Gonnosfanadiga1

Gonnosfanadiga