S'abba in Sardigna - l'acqua in Sardegna

SU CULTU DE S’ABBA IN SARDIGNA CANDO NON BI FIAT ABBANOA

SU MOVIMENTU “SARDIGNA NOSTRA” CHERET CHI S’ABBA TORRET A SU PÒPULU.

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

Su cultu de s’abba in Sardigna est antigu meda. Monumentos nuràgicos intregados a s’abba si nd’agatant in totue e totus, umpare a su idrònimu de sa bena/mitza o de su putu/putzu, tenent s’atributu de “sacru”. Difatis, pro sos Sardos de ogni tempus, s’abba est semper istada s’elementu “sagradu” de sa vida, umpare a s’aera, a sa terra e a su fogu/lughe. Ma si in tzertas terras abbundant s’aera e su fogu e mancat s’abba, non si podet àere sa vida “sagrada”, ca benint a mancu òmines, prantas e animales.

Sos nuràgicos aiant fraigadu putos/putzos e incanaladu benas/mitzas chi andaiant deretas a sas funtanas sacras in ue s’òmine “impuru”, una borta samunadu cun s’abba sacra, beniat a èssere “puru”. Su cultu de s’abba tentu dae s’òmine sardu est istadu adotadu in s’istòria dae tziviltades chi sunt sighidas a cussa nuràgica, comente cussas greca e latina, ma pagos pòpulos podiant bantare una cultura de s’abba, adorada comente elementu sagradu, che-i cussa de sos Sardos. S’abba fiat fintzas logu de atòbiu cando sas bajanas, isetende s’amoradu, lassaiant birare s’abba dae sa broca.

A dolu mannu, cando nd’est ruta sa tziviltade nuràgica, sos colonizadores chi ant cunchistadu sa Sardigna aiant cumprèndidu chi pro tènnere presoneris sos Sardos bastaiat ebbia de bardiare sas funtanas e sos putzos, a ue calesisiat òmine o animale depiat andare pro si catzare su sidis. Ateretantu faghiant sos carabineris cando depiant tenturare unu bandidu, e gasi matessi si moviat su malintentzionadu cando depiat bochire a calicunu. S’òmine no andaiat prus a si purificare cun s’abba, ma a s’imbrutare sas manos de “impuridades”. 

Su Sardu tecnològicu de oe no est resèssidu a aprontare unu progetu pro acollire s’abba “pura” de sas benas/mitzas o de sos putos/putzos “sacros”, ca at pensadu chi fraighende sas digas podiat àere totu s’abba chi cheriat, mancari “impura”. Tando sos polìticos sardos s’ant bèndidu s’abba “pura” de sas benas/mitzas a sos privados pro dare s’abba “impura” a su pòpulu, essende custa ùrtima a preju baratu. Pro tantu s’est giutu a dae innantis su progetu de incanalare s’abba “impura” e de criare una sotziedade pùblica pro l’ammaniare. Custa sotziedade pùblica, chi si narat “Abbanoa”, comente ischimus, at achiridu totu cussas entidades comunales chi ammaniaiant s’abba in sas biddas e in sas tzitades.

Como in Sardigna nos agatamus in sa cunditzione de pagare s’abba “impura” de Abbanoa a preju de abba “pura” e custa ùrtima a preju prus salidu dae sos privados. Nois de su Movimentu “Sardigna nostra” cherimus torrare a dare a sos Sardos s’abba “pura”, ammaniende unu progetu pro incanalare in dogni bidda, in ue sas cunditziones lu cunsentant, sas abbas chi benint dae benas e dae putzos, ca s’abba est de su pòpulu e non si podet dare a privados. S’abba chi intrat intro sas domos depet èssere in antis de totu cussa “pura” de sas benas/mitzas e, in casu custa no esseret sufitziente, cussa “impura” de sos “lagos”, chi imbetzes cheret distinada a s’agricoltura e/o a àteros impreos.

In fines cherimus chi sos Sardos paghent a su gestore pùblicu su servìtziu ebbia de sas conduturas a preju de costu, ca s’abba est unu bene chi non si podet bèndere e chi, comente s’aera, sa terra e sa lughe/fogu de custa ìsula, est in podere de su pòpulu sardu. Pro tantu peruna pessone in Sardigna depet balangiare dinari bendende abba, ca s’abba est unu elementu “sacru” e nois Sardos cherimus sighire a l’adorare comente faghiant sos donnos mannos nostros, colende dae sa cunditzione de “impuros” a “puros”.

 

IL CULTO DELL’ACQUA IN SARDEGNA QUANDO NON ESISTEVA ABBANOA

IL MOVIMENTO “SARDIGNA NOSTRA” CHIEDE CHE L’ACQUA RITORNI AL POPOLO.

Il culto dell’acqua in Sardegna è molto antico. Monumenti nuragici dedicati all’acqua si trovano dappertutto e tutti, insieme all’idronimo della vena/sorgente o del pozzo, portano l’attributo di “sacro”. Intatti, per i Sardi di ogni tempo, l’acqua è sempre stata l’elemento “sacrale” della vita, insieme all’aria, alla terra e al fuoco/luce. Ma se in certe terra abbondano l’aria e il fuoco e manca l’acqua, non può esserci vita “sacrale”, poiché vengono meno uomini, piante e animali.

I nuragici avevano costruito pozzi e incanalato sorgenti che andavano dritte a fonti sacre dove l’uomo “impuro”, una volta lavato con l’acqua sacra, diventava “puro”. Il culto dell’acqua proprio dell’uomo sardo est stato adottato nella storia da civiltà che sono seguite a quella nuragica, come quelle greca e latina, ma pochi popoli potevano vantare una cultura dell’acqua, adorata come elemento sacrale, come quella dei Sardi. L’acqua era anche luogo d’incontro in cui le giovani, aspettando l’innamorato, lasciavano traboccare l’acqua dalla brocca.

Purtroppo, una volta caduta la civiltà nuragica, i colonizzatori che hanno conquistato la Sardegna capirono che per tenere prigionieri i Sardi bastava controllare le fonti e i pozzi, a cui qualsiasi uomo o animale doveva recarsi per scacciare la sete. Altrettanto fecero i carabinieri quando dovevano catturare un bandito, e così allo stesso modo agiva il malintenzionato quando doveva uccidere qualcuno. L’uomo non andava più a purificarsi con l’acqua, ma a sporcarsi le mani di “impurità”. 

Il Sardo tecnologico di oggi non è riuscito ad approntare un progetto per raccogliere l’acqua “pura” delle sorgenti e dei pozzi “sacri”, poiché ha pensato che costruendo le dighe poteva avere tutta l’acqua che voleva, sebbene “impura”. Allora i politici sardi si sono venduti l’acqua “pura” delle sorgenti ai privati per dare l’acqua “impura” al popolo, essendo quest’ultima a buon prezzo. Pertanto si è portato avanti il progetto di incanalare l’acqua “impura” e di creare una società pubblica per gestirla. Questa società pubblica, che si chiama “Abbanoa”, come sappiamo, ha acquisito tutte quelle entità comunali che gestivano l’acqua nei paesi e nelle città.

Ora in Sardegna ci troviamo nella condizione di pagare l’acqua “impura” di Abbanoa al prezzo di acqua “pura” e quest’ultima a prezzo più salato dai privati. Noi del Movimento “Sardigna nostra” vogliamo restituire ai Sardi l’acqua “pura”, predisponendo un progetto per incanalare in ogni paese, dove le condizioni lo consentano, l’acqua che arriva dalle sorgenti e dai pozzi, poiché l’acqua appartiene al popolo e non può essere data a privati. L’acqua che entra nelle case deve essere prima di tutto quella “pura” delle sorgenti e, solo nel caso questa non fosse sufficiente, quella “impura” dei “laghi”, che invece deve essere destinata all’agricoltura e/o ad altri utilizzi.

In fine vogliamo che i Sardi paghino solo il servizio di conduttura a prezzo di costo, poiché l’acqua è un bene che non si può vendere e che, come l’aria, la terra e il fuoco/luce di quest’isola, appartiene al popolo sardo. Pertanto nessuna persona in Sardigna deve guadagnare soldi vendendo l’acqua, poiché l’acqua è un elemento “sacro” e noi Sardi vogliamo continuare ad adorarla come facevano in nostri antenati, passando dalla condizione di “impuri” a “puri”.