Puntos francos - Punti franchi

PUNTOS FRANCOS IN SOS AEROPORTOS SARDOS PRO NDE LOS BOGARE DAE SA CUMPETÈNTZIA ISTATALE

PUNTI FRANCHI NEGLI AEROPORTI SARDI PER TOGLIERLI DALLA COMPETENZA STATALE.

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

Sa bibbia de su testamentu antigu contat de cando Giosuè (Giosuè, 6), in antis de atacare sa tzitade de Jerico, aiat fatu imbolare a s’esèrtzitu israelita unu tichìrriu de gherra chi nd’aiat fatu rùere sos muros, resessende gai a intrare e cunchistare sa fortesa. Sos Grecos de Leònida, s’Ispartanu, andaiant in gherra cantende a boghes mannas pro assuconare s'inimigu. Sos Germanos in antis de ogni batalla imbolaiant su “barditu”, unu tichìrriu de gherra chi paralizaiat sos aversàrios. Ma fintzas sos populanos de su Logudoro in su 1795 aiant tentu sa Tzitade de Tàtari tichirriende “a sa ira!”.

Oe sos sìndigos de Tàtari e de s’Alighera, nachi, ant imboladu unu tichìrriu de gherra pro fàghere intèndere a su Guvernu istatale chi s’aumentu de sa tassa aeroportuale est unu dannu mannu pro sa Sardigna ca in antis de totu ch’at fatu fuire sa cumpagnia aèrea Ryanair chi faghiat bènnere in s’Ìsula a prejos bonos mizas de turistas. Su tichìrriu de sos duos illustres tzitadinos di depet èssere pèrdidu in sas campagnas de sa Nurra, bidu chi Renzi, indunu arrejonu cundunu Sitzilianu, at afirmadu chi inoghe sa continuidade territoriale andat bene (Pro sa crònaca: sa continuidade territoriale aèrea mancat dae su 2014).

Su chi peroe non si resessit a cumprèndere de su tichìrriu de sos duos sìndigos cumbatentes est custu: a chie l’ant imboladu? Ca, pro mandare unu sinnale de gherra, tocat de àere un’esèrtzitu a palas e un’aversàriu a ogros. Ma ite sutzedit si siat s’inimigu che s’amigu sunt cumandados dae sa matessi pessone? Est a nàrrere in duas paràulas chi su tichìrriu lu sunt betende a su Presidente de su Guvernu italianu, chi est fintzas su cumandante de su partidu issoro. Tando, pro cumprire, si unu cheret andare contra a su pròpiu cumandante, in antis si depet “ammutinare”, si nono diat èssere comente abboghinare a su bentu. E, pro s’ammutinare, tocat de segare – in manera fegurada - sa tessera de partidu chi los ligat a su cumandante issoro.

Ma, dae su momentu chi sa gherra est longa e non finit inoghe, sos duos sìndigos sunt andados a chircare soldados in mesu a àteros sìndigos de sa Sardigna e in sos cossigeris regionales chi, issos etotu, sunt parte de s’esèrtzitu de su PD cumandadu dae Renzi e chi non si sunt, pro como, “ammutinados”. Tando, inoghe, forsis custos gherradores o sunt “gioghende” a fàghere sa gherra contra su Guvernu istatale o non la sunt fatende a beru. Est pro custu chi su “tichìrriu” issoro paret unu “càntigu” pro fàghere a rìere sos inimigos; si no est chi cherent bìnchere s’aversàriu comente cheriant fàghere “Sas sirenas” cun Ulisse.

In su fratempus, sa gherra de sas tassas aeroportuales at giai fatu sos primos mortos. Mizas de turistas non sunt pòtidos bennere in Sardigna pro mancàntzia de culligamentos econòmicos e su chi nos isetat pro custu istiu no est mancu de immaginare. Tocat de si mòvere in presse ca “sas aeras minetant temporale” (Frantziscu Ignàtziu Mannu). Sa prima cosa de fàghere est cussa de nde bogare sos aereoportos sardos dae sa cumpetèntzia istatale istituende “PUNTOS FRANCOS” in sos aeroportos de S’Alighera, Olbia e Elmas, comente s’est fatu cun sos portos de Casteddu, Olbia, Arbatax, Portu Turres, Portovesme e Aristanis. 

Si custu non s’at a pòdere fàghere ca sos “Piddinos” chi guvernant sa Regione Sardigna non si cherent ammutinare a su cumandante issoro, tocat a nois Sardos imbolare su tichìrriu de gherra contra su Guvernu centrale e contra custos rapresentantes istitutzionales chi cherent istare a “mesapare” in duos frontes cuntrapostos: su partidu issoro e su pòpulu sardu. Unu tichìrriu “eletorale” chi nde fetat rùere sos muros de custa polìtica istranza a sos interessos de sos Sardos, comente cando in àteros tempos amus cunchistadu sa Sardigna tichirriende “A sa ira!”.

 

PUNTI FRANCHI NEGLI AEROPORTI SARDI PER TOGLIERLI DALLA COMPETENZA STATALE.

(Testu sardu in antis de cussu italianu)

La bibbia del vecchio testamento racconta di quando Giosuè (Giosuè, 6), prima di attaccare la città di Jerico, aveva fatto lanciare dall’esercito israelita un grido di guerra che aveva fatto cadere le mura riuscendo a entrare e conquistare la fortezza. I Greci di Leonida, lo Spartano, andavano in guerra cantando ad alta voce per spaventare il nemico. I Germani prima di ogni battaglia lanciavano il “bardito”, un grido di guerra che paralizzava gli avversari. Ma anche i popolani del Logudoro nel 1795 avevano preso la Città di Sassari al grido di “a sa ira!”.

Oggi i sindaci di Sassari e Alghero, dicono, hanno lanciato un grido di guerra per far intendere al governo statale che l’aumento della tassa aeroportuale è un danno grave per la Sardegna perché innanzitutto ha fatto scappare la compagnia aerea Ryanair che portava nell’Isola a prezzi ottimi migliaia di turisti. Il grido dei due illustri cittadini si deve essere perso nelle campagne della Nurra, visto che Renzi, in un discorso sul web con un Siciliano, ha affermato che qui la continuità territoriale funziona bene (Per la cronaca: sa continuità territoriale aerea manca dal 2014).

Quello che però non si riesce a capire del grido dei due sindaci combattenti è questo: a chi lo hanno lanciato? Poiché, per mandare un segnale di guerra, occorre avere un esercito alle spalle e un avversario di fronte. Ma cosa succede se sia il nemico che l’amico sono comandati dalla stessa persona? Vale a dire in due parole che il grido è diretto al Presidente del Governo italiano, che è anche il comandante del loro partito. Dunque, per concludere, se uno vuole andare contro il proprio comandante, prima di tutto si deve “ammutinare”, altrimenti sarebbe come gridare al vento. E, per ammutinarsi, occorre stracciare – figurativamente – la tessera del partito che li lega al loro comandante.

Ma, dal momento che la guerra è lunga e non finisce qui, i due sindaci sono andati alla ricerca di soldati fra le fila di altri sindaci della Sardegna e di consiglieri regionali che, a loro volta, fanno parte dell’esercito del PD comandato da Renzi e che non si sono, per il momento, “ammutinati”. Allora, qui, forse o questi combattenti stanno “giocando” a fare la guerra contro il Governo statale o non la stanno facendo sul serio. È per questo che il loro “grido” sembra un “cantico” per far ridere i nemici; a meno che non vogliano vincere l’avversario come volevano fare le “Le sirene” con Ulisse.

Nel frattempo, la guerra delle tasse aeroportuali ha già fatto le prime vittime. Migliaia di turisti non sono potuti venire in Sardegna per mancanza di collegamenti economici e quello chi ci attende per questa estate non è neppure da immaginare. Occorre muoversi in fretta poiché “il cielo minaccia temporale” (Francesco Ignazio Mannu). La prima cosa da fare è quella di togliere gli aeroporti sardi dalla competenza statale istituendo “PUNTI FRANCHI” negli aeroporti di Alghero, Olbia e Elmas, come è stato fatto per i porti di Cagliari, Olbia, Arbatax, Porto Torres, Portovesme e Oristano. 

Se questo non si potrà fare poiché i “Piddini” che governano la Regione Sardegna non si vogliono ammutinare al loro comandante, spetta a noi Sardi lanciare il grido di guerra contro il Governo centrale e contro questi rappresentanti istituzionali che vogliono stare a “mezzadria” in due fronti contrapposti: il loro partito e il popolo sardo. Un grido “elettorale” che faccia cadere i muri di questa politica estranea agli interessi dei Sardi, come quando in altri tempi abbiamo conquistato la Sardegna al grido di “A sa ira!”.