Su traballu nobìlitat o mobìlitat in Sardigna?

SU TRABALLU NOBÌLITAT O MOBÌLITAT S’ÒMINE IN SARDIGNA?

IL LAVORO NOBILITA O MOBILITA L’UOMO IN SARDEGNA?

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

 

“Su bisòngiu ponet su topu a cùrrere” narat unu dìciu sardu. E unu disocupadu, bastet de agatare unu traballu, est capatze de “mobilitare” a tesu meda dae sa Sardigna, ca, abbarrende inoghe, arriscat  de pèrdere sa “nobilidade” betendeˑsi a macu o a malàidu pro otènnere unu rèdditu chi li cunsentat de campare. Ma si unu est testorrudu e cheret restare in custa ìsula, mancari chentza traballu, benit leadu pro mandrone, ca, narant sos polìticos: «s’òmine depet sighire su traballu comente s’àinu sa mandigadòrgia».

Chi in Sardigna non che siat traballu lu narat in antis de totu s’ISTAT cun datos impietosos: 16,6% de disocupatzione mèdia e 56,4% de cussa giovanile; peus de a nois in totu canta s’Europa sa Calabria ebbia. Ma si cherides sighire a bos avelenare su fìdigu, bos naro fintzas sos datos subra sa cunditzione de sas famìlias: una subra batos istat suta su giannile de sa povertade e una subra duas at dificultade a pagare ispesas imprebistas chi podent incapare indunu annu. Non mi chèrgio islongare a nàrrere de sa dispersione iscolàstica o de sas patologias depressivas, ligadas pro su prus a sa cunditzione econòmica, pro non bos fàghere arrenegare de su totu.

Cussos polìticos chi oe nos sunt narende chi su mudamentu de sa Costitutzione republicana est unu bene pro su Paese sunt sos matessi chi ant causadu custa disaura sotziale e ant disatesu innantis de totu sos artìculos 1 e 4 de sa Carta chi, unu e s’àteru, narant: «S’Italia est una Repùblica fundada subra su traballu; Sa Repùblica reconnoschet a totu sos tzitadinos su diritu a su traballu». Oe nen su Guvernu, nen sa Regione, nen sos Comunes tenent unu pianu pro su traballu, e totu est lassadu a sa bona voluntade de su sìngulu indivìduu o a sas agentzias privadas de cullocamentu, ligadas pro su prus a connoschèntzias polìticas.

Sa proposta chi faghimus nois de “Sardigna nostra” est cussa de istituire luego in dogni comune una fegura de funtzionàriu chi s’interesset ebbia de su traballu, a manera chi totu cussos chi ant bisòngiu de dinari pro si campare o pro si pagare sas ispesas imprevistas potzant otènnere dae su comune unu traballu, cunforme a sa professione o tìtulu de istùdiu, pro si lu balangiare. Sos comunes podent impreare totu custos disocupados in traballos de interessu pùblicu, in cale si siat setore: amministratzione, istradas comunales e caminos de campagna, iscolas, buscos e forestas, rios e abbas, archeologia, turismu, trasportos locales e cantu àteru.

Custa proposta, narada gosi, paret improponìbile ca si pensat chi non potzat otènnere una cobertura finantziària, ma imbetzes est realizàbile. Difatis, semper segundu s’ISTAT, s’ispesa in Sardigna pro sos interbentos sotziales est istada in s’ùrtimu censimentu de 368 milliones de euro e dinari meda l’ant distinadu pro su cuntrastu a sa povertade ligadu a sa mancàntzia de traballu. In prus, milliones de Euros benint brujados e finint in busciaca de pagos cando si pagant sas tangentes o si faghet clientelismu de votos pro otènnere postos de traballu. Ma sa cosa peus est chi unu giòvanu chentza traballu, pro non pèrdere sa “nobilidade”, si ch’andat a fora dae s’Ìsula e “mobìlitat” in àteros paeses, produende richesa, in ue li garantint un’impiegu.

Dende imbetzes sa possibilidade a unu giòvanu de agatare impiegu indunu comune, in peristantu chi agatet unu traballu chi li cunfaghet, li garantimus unu rèdditu e, de cunsighèntzia, sa possibilidade de fraigare inoghe su tempus benidore sou. Su dinari chi benit impreadu in custa manera intrat luego in s’economia de su logu e faghet mandigare fintzas sa zente chi produit. Pro tantu si criat unu chìrculu virtuosu in ue su dinari pùblicu passat luego dae una manu a s’àtera e garantit a totus unu postu de traballu e sa “nobilidade”.

Su chi est sutzedende oe in Sardigna est paradossale: dae un’ala sos giòvanos nostros si che sunt fuende ca non ch’at  traballu e dae s’àtera sa polìtica est faghende intrare in Sardigna trumas mannas de clandestinos, nende chi sunt una resorsa, chi peroe campant a palas nostras, giai càrrigas de pesos. Cun su programma de su Movimentu “Sardigna nostra” amus a frimmare custa polìtica arruinadora de sos Sardos e amus a dare su dinari a sos comunes pro mantènnere inoghe sos giòvanos nostros.

Perunu Sardu at a fàghere su caminu a ludu chirchende traballu, sighende comente faghet s’àinu sa mandigadòrgia, ca cun su dinari chi como si sunt papende pagos àinos in mandigadòrgias mannas, b’at a bessire sa proenda pro totus. 

 

IL LAVORO NOBILITA O MOBILITA L’UOMO IN SARDEGNA?

“Il bisogno mette lo zoppo a correre” dice un detto sardo. E un disoccupato, pur di trovare un lavoro, è capace di “mobilitare” lontano dalla Sardegna, poiché, rimanendo qua, rischia di perdere la “nobiltà” spacciandosi per scemo o malato per ottenere un reddito che gli consenta di sopravvivere. Ma se uno è testardo e vuole restare in quest’Isola, anche senza lavoro, viene additato come poltrone, poiché, dicono i politici: «l’uomo deve seguire il lavoro come l’asino la mangiatoia».

Che in Sardigna non si sia lavoro lo dice innanzitutto l’ISTAT con dati impietosi: 16,6% di disoccupazione media e 56,4% di quella giovanile; peggio di noi in tutta l’Europa solo la Calabria. Ma se volete seguire ad avvelenarvi il fegato, vi do i dati sulla condizione delle famiglie: una su quattro si trova sotto la soglia della povertà e una su due ha difficoltà a pagare spese impreviste che possono presentarsi in un anno. Non mi voglio dilungare a parlare della dispersione scolastica o delle patologie depressive, legate per lo più alla condizione economica, per non farvi arrabbiare del tutto.

Quei politici che oggi ci dicono che la modifica della Costituzione repubblicana è un bene per il Paese sono gli stessi che hanno causato questo disastro sociale e hanno disatteso prima di tutto gli articoli 1 e 4 della Carta che, rispettivamente, dicono: «L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro; La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro». Oggi né il Governo, né la Regione, né i Comuni hanno un piano per il lavoro, e tutto è lasciato alla buona volontà dell’individuo o alle agenzie private di collocamento, legate prevalentemente alle conoscenze politiche.

La proposta che facciamo noi di “Sardigna nostra” è quella di istituire subito in ogni comune una figura di funzionario che si occupi solo del lavoro, in modo che tutti quelli che hanno bisogno di soldi per campare o per pagarsi le spese impreviste possano ottenere dal comune un lavoro, in relazione alla professione o titolo di studio, per guadagnarseli. I comuni possono utilizzare tutti questi disoccupati in lavori di interesse pubblico, in qualsiasi settore: amministrazione, strade comunali e sterrati di campagna, scuole, boschi e foreste, fiumi e acque, archeologia, turismo, trasporti locali e quant’altro.

Questa proposta, detta così, sembra improponibile poiché è difficile che possa ottenere una copertura finanziaria, ma invece è realizzabile. Infatti, sempre secondo l’ISTAT, la spesa in Sardigna per gli interventi sociali è stata nell’ultimo censimento di 368 milioni di euro e tanto denaro è stato destinato al contrasto per la povertà legata alla mancanza di lavoro. In più, milioni di Euro vengono bruciati e finiscono in tasca di pochi quando si pagano le tangenti o si fa clientelismo di voti per ottenere posti di lavoro. Ma la cosa peggiore è che un giovane senza lavoro, per non perdere la “nobiltà”, se ne va fuori dall’Isola e “mobilita” in altri paesi, producendo ricchezza, dove gli garantiscono un impiego.

Dando invece la possibilità ad un giovane di trovare un impiego in un comune, nel frattempo che trovi un lavoro confacente, gli garantiamo un reddito e, conseguentemente, la possibilità di costruire qui il suo futuro. I soldi che vengono utilizzati in questo modo entrano subito nell’economia del luogo e fanno mangiare anche la gente che produce. Pertanto si crea un circolo virtuoso in cui i soldi pubblici passano subito da una mano all’altra e garantiscono un posto di lavoro e la “nobiltà”.

Quello che sta succedendo oggi in Sardegna è paradossale: da una parte i nostri giovani stanno scappando perché non c’è lavoro e dall’altra la politica sta facendo entrare in Sardegna ondate di clandestini, dicendo che sono una risorsa per l’Isola, che però campano alle nostre spalle, già cariche di pesi. Con il programma del Movimento “Sardigna nostra” fermeremo questa politica rovinosa per i Sardi e daremo i soldi ai comuni per mantenere qui i nostro giovani.

Nessun Sardo rimarrà impantanato cercando un lavoro, seguendo come fa l’asino la mangiatoia, poiché con i soldi che ora vengono consumati da pochi asini in grandi mangiatoie, ci sarà cibo per tutti.