Cunchista Monte Prama - Conquista Monte Prama

CUNCHISTA ROMANA DE MONT’E PRAMA (215-214 a.C.)

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

Ocannu s’istrinat su 2230u annu dae sa cunchista Romana de Mont’e Prama, su monte de sas pramas, pranta chi faghet bènnere a conca sa “Passione domini” (Sa passione de su Sennore). Custa festividade est tenta dae catòlicos, ortodossos e protestantes, e ammentat sa triunfale intrada de Gesus in Gerusalemme, a caddu a s’àinu, saludadu dae su pòpulu cun sos ratos de prama, sìmbulu de sa paghe. Su sinnificu intrànnidu de Mont’e Prama diat pòdere èssere pro tantu cussu de “monte sagradu o de sa paghe”.

Sos istòricos romanos chi ant iscritu subra sa cunchista de sa Sardigna dae parte de Roma, comente Polìbiu, Titu Lìviu, Sìliu Itàlicu e àteros, si sunt arressados subra sa discridida de sa batalla chi at postu unu contra a s’àteru sos Sardos de Hampsicora e Hosto a sos Romanos in sa cunchista de sa tzitade de Cornus (posta in sos tretos de Santa Caderina de Pitinurri), ma nudda ant naradu de sos fatos chi pertocant sa cunchista de su monte sagradu de sos Sardos, ossiat de Mont’e Prama. Si no est chi, un’iscritore indipendente dae su podere de Roma e pro tantu non de parte, unu tzertu Càius Plìnius Tèrtius (Càiu Plìniu su de Tres), at segadu cussu mudìmene chi finas a como aiat imboligadu de mistèriu cussu fatu istòricu.

Plìniu su Tèrtiu in su Liber suo I, II, intituladu “De Bellum Sardicum” contat de sa cunchista romana de Mont’e Prama dae parte de su cònsole Dàrius Francisus, nòdidu comente s’Emilianu. Curriat s’annu 539 dae sa nàschida de Roma (214 a.C. de su calendàriu nostru). Sa provìntzia de Sardigna e Còssiga fiat giai istada costituida dae 13 annos e fiant galu friscas sas fèrridas tentas in sa batalla de Canne, in ue sos Romanos aiant pèrdidu mìgias de òmines in sa cuntierra contra sos Cartaginesos. Sas cosas in su campu si fiant peroe bortuladas a favore de sos Romanos carchi mese a pustis, cando fiant resèssidos a torrare a cunchistare sos territòrios pèrdidos.

In Sardigna, su procònsole Titus Mànlius Torcuatus, in su 215 a.C., aiat bìnchidu contra a Hampsicora e Hosto e tentu a tesu sos Sardos Pellitos, cramados dae su “Prìntzipe” sardu in agiudu. Leadu su controllu de sa parte manna de s’ìsula, dae Roma su “Dictator” Mateus Rèntius, chi bantaiat genia etrusca, aiat seberadu comente guvernadore de sa provìntzia sarda Francisus Secundus Pìlarus, fìgiu de un sardu Ilienses, pesadu romanu. Sos Cartaginesos chi aiant a cabu Ugus Asdrùbale, fentomadu “Conchispilidu”, si fiant como agiummai isparminados. Fiant a tesu sos tempos in ue Bèrelus Annìbale faghiat pasculare sos elefantes in Mediolanum; e fiant como agiummai barigados sos tempos in ue su Cràxius Pater issoro si podiat assoliare in Hammamet, in sa domo istadiale de Cartàgine.

A pustis de sa cunchista de Cornus dae parte de Titus Mànlius Torcuatus, chi sos Sardos l’ammentat comente cussu de su “corru mannu” de sa furca, s’intentu imbeniente diat èssere istadu “Mont’e Prama”, sa codina in ue fiant interradas sas ispòlias de sos cabos e balentes gherreris shardana. Ma Torcuatus no si l’aiat sentida de profanare cussu logu e fiat recuidu a Roma in antis de s’ora pro si gosare su triunfu. Calicunu àteru depiat peroe fàghere fora sa memòria istòrica de sos Sardos, mancari sos Romanos b’aiant proadu annos in antis cando ch’aiant leadu paritzos repertos e los aiant costoidos indunu camasinu de una Domus de Kàrales. Sos repertos fiant istados a pustis imbènnidos dae duos plebeos, chi los aiant assegurados in sa Sardigna de su cabu de subra, in territòriu Corocenses.

Tocait custa bia de cunchistare pro semper su monte de su Sardus Pater si si cheriat a beru fàghere fora su sìmbulu identitàriu de cussu pòpulu. Pro giùghere a dae in antis custu còmpitu dìligu, su Dictator Mateus Rèntius aiat dadu s’incàrrigu a su cònsole Dàrius Francisus Emilianus, chi aiat cunfidadu in sa collaboratzione istrinta de unu personàgiu influente de su logu, unu tzertu Bàrracus, chi in giambu aiat retzidu su tìtulu de Propretore. Bàrracus non fiat peroe bidu bene dae sa nomenclatura sarda, in antis de totu pro neghe de sos cumportamentos ambìguos e infeminados suos. Comente si siat, umpare, in totu segretu, aiant progetadu de imbiare a Mont’e Prama una legione de emilianos fideles fideles.

Pro no assuconare sos Sardos Pellitos, semper perigulosos nointames aerent miminadu de nùmeru, aiant ammaniadu totu una sèrie de atziones de depistàgiu pro giùghere s’atintzione de sos Sardos a un’àtera ala. Pro tantu aiant cullocadu 4 legiones de soldados in su Sartu de Cuirra, in territòriu de sos Galilenses, 3 legiones in Teulada e 1 in Cabu Frasca. A pustis aiant dadu sa cuntzedida pro s’iscavu de minieras de oro e de ràmene a unu tzertu Moratus cun sa prommissa de dare a sos Sardos medas postos de traballu. E in fines, impreende su fuste a pustis de sa fustinaga (carota), aiant minetzadu sas populatziones de parte intro de batire in Sardigna totu sos depòsitos de sa “Cloaca Massima” ammuntonados in Roma cun su tempus.

Fiat istadu custu ùrtimu imbentu cussu mègius resèssidu. Difatis, comente prebìdidu, duos cabos de su logu, Bisus Cumpòsitus e Petrus Debias, aiant giutu a Karales una truma manna de gente pro impressionare su guvernadore Pìlarus. Fiat istadu custu su mamentu in ue sos fideles de Dàrius Francisus Emilianus fiant intrados in campu. Cunduna mossa “a tenatza” aiant inghiriadu Mont’e Prama, faghende peroe duos presoneris ebbia, duos “Scriba” numenados Tzucae e Gusae, chi a su primu tzocheddu de sas armas si fiant arrèndidos chentza fàghere resistèntzia. S’ùnicu chi aiat iscobertu sa trampa e chi fiat abbarradu a bardiare su giassu fiat istadu unu tzertu Màrulus Pilus, unu balente ex mercenàriu cartaginesu chi si fiat cumbertidu a sa càusa de sos Sardos.

Càius Plìnius Tèrtius serrat su contu narende chi s’atzione de Dàrius Francisus Emilianu si diat èssere pòdida arressare si solu sos Sardos aerent mantènnidu s’unidade, in cantu fintzas sos Romanos aiant bisòngiu de unu pasu a pustis de sas batallas de cussos annos. Ma como agiummai sos Romanos aiant corrùmpidu Prìntzipes medas de sas tribù locales chi, bastat de otènnere sa tzitadinàntzia romana, aiant atzetadu dogni forma de cumpromissu. Su libru s’arressat pròpiu in su mentres chi Plìnius contat de una rebellia dae parte de sas tribù de parte intro de s’ìsula. A dolu mannu no ischimus comente sunt andados a beru sos fatos e si deaberu sos fideles de Emilianus aiant ispoliadu Mont’e Prama de sas richesas suas. Diat èssere de importu mannu agatare su resucontu de sos duos Scriba sardos, Tzucae e Gusae, pro sighire a cumpònnere sos fatos dae s’arressada de s’istòria de Plìniu su Tèrtiu.


 CONQUISTA ROMANA DI MONT’E PRAMA (215-214 a.C.)

Quest’anno ricorre il 2230° anniversario della conquista Romana di Mont’e Prama, la montagna delle palme, pianta che rievoca la “Passione domini” (La passione del Signore). Questa festività è osservata da cattolici, ortodossi e protestanti, e ricorda il trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme, in sella ad un asino, salutato dal popolo con i rami di palma, simbolo della pace. Il significato intrinseco di Mont’e Prama potrebbe essere quindi “la montagna sacra o della pace”.

Gli storici romani che hanno scritto sulla conquista della Sardegna da parte di Roma, come Polibio, Tito Livio, Silio Italico ed altri, si sono soffermati sulla descrizione della battaglia che ha opposto i Sardi di Hampsicora e Hosto ai Romani nella conquista della città di Cornus (situata nei pressi di Santa Caterina di Pittinurri), ma niente hanno riportato dei fatti relativi alla conquista della montagna sacra dei Sardi, ovverosia Mont’e Prama. Senonché, uno scrittore indipendente dal potere di Roma e pertanto non di parte, un certo Càius Plìnius Tèrtius (Caio Plinio il Terzo), ha rotto quel silenzio che fino ad ora aveva avvolto di mistero quel fatto storico.

Plinio il Terzo nel suo Liber I, II, intitolato “De Bellum Sardicum” racconta della conquista romana di Mont’e Prama da parte del console Dàrius Francisus, noto come Emilianus. Correva l’anno 539 dalla nascita di Roma (214 a.C. del nostro calendario). La provincia di Sardegna e Corsica era già stata costituita da 13 anni ed erano ancora fresche le ferite riportate nella battaglia di Canne, dove i Romani avevano perso migliaia di uomini nello scontro contro i Cartaginesi. La situazione sul campo si era però capovolta a favore dei Romani qualche mese dopo, quando erano riusciti a riconquistare i territori perduti.

In Sardegna, il proconsole Tito Manlio Torquato, nel 215 a.C., aveva battuto Hampsicora e Hosto e tenuto a bada i Sardi Pelliti, ai quali il “Principes” sardo era andato a chiedere aiuto. Preso il controllo della maggior parte dell’Isola, da Roma il “Dictator” Mateus Rèntius, che vantava discendenza etrusca, aveva scelto come governatore della provincia sarda Francisus Secundus Pìlarus, figlio di un sardo Ilienses, naturalizzato romano. I Cartaginesi che facevano capo ad Ugus Asdrùbale, detto “il Calvo”, si erano ormai dileguati. Erano lontani i tempi in cui Bèrelus Annibale faceva pascolare gli elefanti a Mediolanum; ed erano ormai finiti i tempi in cui il loro Cràxius Pater poteva prendere il sole ad Hammamet, nella residenza estiva di Cartagine.

Dopo la conquista di Cornus da parte di Tito Manlio Torquato, che venne ricordato dai Sardi come quello del “cornus magnus” della forca, il prossimo obiettivo sarebbe stato “Mont’e Prama”, la collina su cui erano deposte le spoglie dei capi e valorosi guerrieri shardana. Ma Torquato non se la sentì di profanare quel luogo e rientrò a Roma anzitempo per godersi il trionfo. Qualcun altro doveva però cancellare la memoria storica dei Sardi, sebbene i Romani anni prima avessero portato via numerosi reperti e li avevano nascosti in uno scantinato di una Domus di Karales. I reperti furono in seguito individuati da due plebei che li misero al sicuro nel Nord dell’isola, in territorio dei Corocenses.

Occorreva questa volta conquistare per sempre la collina del Sardus Pater se si voleva davvero eliminare il simbolo identitario di quel popolo. Per portare avanti questo delicato compito, il Dictator Mateus Rèntius diede l’incarico al console Dàrius Francisus Emilianus, il quale confidò nella stretta collaborazione di un personaggio influente del posto, un certo Bàrracus, a cui diede il titolo di Propretore. Il Bàrracus non era però ben visto dalla nomenclatura sarda, soprattutto per i suoi comportamenti ambigui e effeminati. Insieme, in tutto segretezza, progettarono di mandare a Mont’e Prama una legione di fedelissimi emiliani.

Per non allarmare i Sardi Pelliti, sempre pericolosi nonostante l’inferiorità numerica, organizzarono tutta una serie di azioni di depistaggio per portare l’attenzione dei Sardi da un’altra parte. Quindi piazzarono 4 legioni di soldati nel Salto di Quirra, in territorio dei Galilenses, 3 legioni a Teulada e una a Capo Frasca. Poi diedero la concessione per lo scavo di miniere d’oro, di rame e di carbone a un certo Moratus con la promessa di dare ai Sardi tanti posti di lavoro. Ed infine, usando il bastone dopo la carota, minacciarono le popolazioni dell’Interno di portare in Sardegna tutti i depositi della “Cloaca Massima” accumulatisi a Roma nel tempo.

Fu quest’ultimo lo stratagemma di maggiore successo. Infatti, come previsto, due capi locali, Bisus Cumpòsitus e Petrus Debias, portarono a Karales un nutrito gruppo di sostenitori per impressionare il governatore Pìlarus. Fu questo il momento in cui i fedelissimi di Dàrius Francisus Emilianus entrarono in azione. Con una mossa “a tenaglia” circondarono Mont’e Prama, facendo però solo due prigionieri, due “Scriba” nominati Tzucae e Gusae, che al primo tintinnio delle armi si arresero senza opporre resistenza. L’unico che aveva scoperto il tranello e che era rimasto a vigilare sul sito fu un certo Màrulus Pilus, un valoroso ex mercenario cartaginese che si era convertito alla causa dei Sardi.

Càius Plìnius Tèrtius chiude il racconto dicendo che l’azione di Dàrius Francisus Emilianus poteva essere fermata se solo i Sardi avessero trovato unità, in quanto anche i Romani avevano bisogno di una tregua dopo le battaglie di quegli anni. Ma ormai i Romani avevano corrotto molti Prìncipes delle tribù locali, che pur di ottenere la cittadinanza romana accettarono ogni forma di compromesso. Il libro si interrompe proprio mentre Plìnius narra di una rivolta popolare da parte delle tribù dell’interno. Purtroppo non sappiamo come effettivamente andarono a finire le cose e se davvero i fedelissimi di Emilianus spogliarono Mont’e Prama delle sue ricchezze. Sarebbe di fondamentale importanza trovare il resoconto dei due Scriba sardi, Tzucae e Gusae, per ricostruire i fatti accaduti dall’interruzione della storia di Plìnio il Tèrtio.