Istatutu - Statuto

(Testo in italiano dopo quello in sardo)

ISTATUTU DE S’ASSÒTZIU

“SARDIGNA NOSTRA”

 

Art. 1

Costitutzione

 

  1. Est costituidu s’Assòtziu “SARDIGNA NOSTRA”.
  2. S’Assòtziu at sede provisòria in Tàtari, carrela XXIV Maggio n° 19. Su giambamentu de sa sede non faghet mudare s’Istatutu.
  3. Sos cuntenudos e s’istrutura de s’organizatzione sunt democràticos.

  

Art. 2

Intentos e finalidades

 

  1. S’Assòtziu “Sardigna nostra” at istrutura democràtica e est costituidu chentza fine de lucru. Issu at durada illimitada in su tempus.
  2. L’Assòtziu naschet cun s’iscopu de promòvere, pro mèdiu de s’atzione polìtica de unu Movimentu identitàriu sardu numenadu “Sardigna nostra”, chi faghet parte de su presente Assòtziu, su beneistare de sos Sardos e su progressu de sa Sardigna.
  3. Su primu intentu de sos Assotziados at a èssere cussu de megiorare sa cunditzione sotziale de sos Sardos dende unu postu de traballu a cada tzitadinu. Perunu Sardu s’at a dèpere agatare chentza una domo in ue bìvere e chentza unu rèdditu chi li potzat garantire una vida dignitosa.
  4. Pro lòmpere a custos resurtados s’Assòtziu at a promòvere, pro mèdiu de su movimentu identitàriu sardu sou “Sardigna nostra”, organizadu in su logu, in sa regione, in Italia e in Europa, sa partzidura che frades de sos benes sotziales e sa solidariedade intre sos Sardos.
  5. Su Movimentu at a giùghere a dae innantis una polìtica de acurtziamentu intre sos Sardos de sa Sardigna e sos Sardos chi che bivent fora, e at a criare sas cunditziones bonas pro chi sos disterrados sardos potzant torrare o imbarare in sa pàtria mama issoro.
  6. Su Movimentu identitàriu “Sardigna nostra” at a promòvere in totu sos campos sa paridade intre òmines e fèminas e at a criare sas cunditziones pro garantire paris intrada a mascros e fèminas in dogni setore de sa sotziedade.
  7. S’atzione polìtica de su Movimentu identitàriu “Sardigna nostra” at a èssere bortada a su afortigamentu de sos setores trainantes de s’economia sarda: pastorìtzia, agricoltura, turismu, artesanadu, manifaturas, produtzione agrualimentare, indùstria de mudamentu, arribbu e cunsigna/cummercializatzione de sos prodotos sardos; in prus a sa chirca de atividades produtivas noas chi alimentent su cumone econòmicu isulanu.
  8. Potentziales e mannas resorsas ant a dèpere èssere liberadas cun sas dismissiones de sas bases militares chi como agiummai dae tempus meda nd’ant bogadu e nde bogant oe a sa Sardigna partes mannas de territòriu chi, torradu a ammaniare, at a pòdere contribuire a criare richesa noa pro sos Sardos.  
  9. At a èssere prioridade de s’atzione polìtica de su Movimentu “Sardigna nostra” sa realizatzione de una continuidade territoriale bera, chi cunsentat a òmines e mercantzias de chirculare lìberos cun su Continente italianu, europeu e mundiale a prejos econòmicos a manera chi cada pessone, sardu e nono, potzat giampare su mare cun naves e aèreos a sas mezus cunditziones de mercadu.
  10. Sa comunicatzione a parte intro de sa Sardigna, chi pro s’arretratesa sua benit a èssere una birgòngia natzionale e europea, at a èssere unu de sos printzipales temas presentes in su programma de su Movimentu “Sardigna nostra”, ca non b’at a pòdere èssere perunu isvilupu in Sardigna chentza unu bonu sistema de culligamentu internu. Pro tantu s’Ìsula at a èssere dotada de istradones a currimentu lestru e de ferrovias eletrificadas chi pòngiant in comunicatzione su territòriu cun sas tzitades, sos portos e sos aeroportos.
  11. Su Movimentu “Sardigna nostra” at a promòvere, isfrutende innantis de totu sas potentzialidades naturales de sa terra nostra, s’impreu de sas energias annoàbiles impitende sas tecnologias noas pro tenturare dae su sole, dae su mare, dae sas abbas e dae sas aeras sas resorsas energèticas chi a s’ìsula nostra sunt netzessàrias. Su Movimentu, balèndesi de sas normas de s’Istatutu sardu, at a criare sas cunditziones pro chi s’ammàniu de sas energias annoàbiles non ruat in manos de ispeculadores e siat organizada e ghiada dae sas populatziones locales coordinadas in logu regionale.
  12. Su Movimentu identitàriu “Sardigna nostra”, pro su chi pertocat s’art. 3, lìtera m, de s’Istatutu Autònomu de sa Sardigna in s’esercìtziu de sos diritos demaniales e patrimoniales de sa Regione subra sa minieras, cavas e salinas, at a legiferare sa frimmada de sas cuntzessiones in àreas de interessu naturalìsticu, paesagìsticu, archeològicu o agrìculu. Sa comunidade in ue at a èssere posta sa cuntzessione at a dèpere otènnere in calesisiat manera unu benefìtziu chi la paghet dae s’isfrutamentu de su territòriu.
  13. Su Movimentu “Sardigna nostra” at a propònnere pro totu sos Sardos s’impreu lìberu de sas terras comunes, de sas abbas, de sas forestas, de sas ispeàgias e de calesisiat àteru bene pùblicu. A parte intro de sos logos pùblicos, ant a èssere garantidos fintzas sos servìtzios a pagamentu pro chie at a chèrrere impreare sas istruturas privadas de recreu.
  14. S’abba pùblica, comente bene essentziale e primordiale, no at a èssere tratada a sa matessi manera de sos prodotos cummertziales ma at a èssere de propriedade de su pòpulu sardu; s’impreu sou e sa frunidura sua ant a èssere garantidos a sos Sardos a cunditziones populares.
  15. Cada tzitadinu de sa Sardigna tenet su diritu de bìvere indunu ambiente sanu e de si curare in istruturas sanitàrias pùblicas. Pro sa realizatzione de custos duos importantes intentos, su Movimentu identitàriu “Sardigna nostra” at a propònnere s’organizatzione noa dae fundamentu de totu su sistema sanitàriu de sa Sardigna, chi si che màndigat pro s’incapatzidade de l’ammaniare prus de sa meidade de su bilàntziu regionale.
  16. Su Movimentu “Sardigna nostra” s’at a impignare a fraigare una Sardigna identitària, in ue sa limba e sa cultura sarda siant presentes in totu sas iscolas de ogni òrdine e gradu e in sa Pùblica Amministratzione. Sas Universidades de sa Sardigna, chi ant a dèpere rapresentare sa fortza bera de sa chirca e de su progressu, ant a èssere dotadas de cursos de istùdiu pro s’abbaloramentu de sa limba e de sa cultura sarda.
  17. Sos monumentos de sa Sardigna, trascurados e abbandonados dae sèculos, ant a èssere faina de atentu dae parte de su Movimentu “Sardigna nostra” chi, peri unu programma ispetzìficu, los at a amparare e at a cunsentire a totus de si gosare de su patrimòniu archeològicu mannu nostru.
  18. Su Movimentu s’at a impignare in prus a ghiare un’atzione de tutela e promòvida de sos Benes Culturales de sa Sardigna, de sas Traditziones populares sardas, de s’arte, de sa literadura, de sa mùsica, de s’ispetàculu, de s’enogastronomia e di ogni àtera forma de cultura de sa Sardigna.
  19. Isfrutende sas potentzialidades de s’Istatutu Ispetziale nostru, artt. 9 e 10, at a èssere costituida s’Agentzia Sarda de sas Intradas, chi no at a àere unu bratzu armadu pro machitziare o arruinare sos tzitadinos, ma ufìtzios de cunciliatzione pro cunsentire a totus, in raportu a sas pròpias cunditziones econòmicas, de pagare sas tassas in manera giusta.
  20. In cunsideru de s’art. 12 de s’Istatutu autònomu de sa Sardigna, ant a èssere istituidos “Puntos francos” in cussos setores e territòrios chi s’ant a retènnere istratègicos, a manera de garantire una bona atzione fiscale bortada a batire imbestimentos e a criare postos de traballu noos.
  21. At a èssere in fines còmpitu de su Movimentu “Sardigna nostra” propònnere a sas fortzas polìticas sardas e a sa sotziedade sarda de su totu sa revisione de s’Istatutu Ispetziale sardu, gasi comente dissiplinadu dae s’art. 54 de sa Lege costitutzionale, chi como agiummai non est prus cunforme a sa realidade.

  

Art. 3

Istemma o sìmbulu

 

1.      S’Assòtziu “Sardigna nostra” at comente istemma unu gherradore nuràgicu (archeri) postu a dae innatis de unu nuraghe cun fundu iscuru, subra campu ruju e asulu, in ue sunt presentes bator moros ghindados a su nuraghe. In artu est reproduida s’iscrita de colore biancu “Sardigna nostra” e in bassu su sutatìtulu “Movimentu identitàriu sardu”.

 

Art. 4

Ogetu sotziale e atividade

 

1        S’Assòtziu “Sardigna nostra” at comente fine sotziale su beneistare de sos Sardos e su progressu de sa Sardigna, in prus che su fràigu de una sotziedade identitària de sos Sardos.

  1. S’Assòtziu s’at a bàlere pro sa pròpia atzione polìtica de unu Movimentu identitàriu sardu numenadu “Sardigna nostra”, chi at a operare in su logu siat in sas sìngulas biddas e tzitades de s’Ìsula, siat in logu regionale e extraregionale, cun sa presentatzione de pròpias listas de candidados pro totu sas consultatziones eletorales a manera de fàghere elègere sos pròpios rapresentantes in sas istututziones de sos territòrios interessados dae sas votatziones.
  2. Sos candidados a sas eletziones ant a èssere seberados a majoria dae sos Assotziados cun sas modalidades detzisas dae su Cossìgiu Diretivu e ant a dèpere èssere iscritos a s’Assòtziu. In casu de sèberas non cundivisas, at a èssere su Cossìgiu Diretivu a nàrrere s’ùrtima paràula.
  3. Sa detzisione leada dae su Cossìgiu Diretivu pro sa sèbera e rèvoca de sos candidados a sas consultatziones eletorales est inapellàbile.  
  4. Su Movimentu “Sardigna nostra” s’at a impignare induna atzione bortada a sa nàschida de una federatzione de totu sas fortzas polìticas chi apant comente primu intentu su beneistare de sos Sardos e su progressu de sa Sardigna, chentza cunditzionamentos de partidos e movimentos istràngios a s’Ìsula.

  

Art. 5

Sos Assotziados

 

  1. Podent èssere Assotziados de s’Assòtziu “Sardigna Nostra” totu sos tzitadinos, mancari non siant residentes in Sardigna, chi nde cundividant sas finalidades, atzetent e sutaiscriant sas normas de su presente Istatutu.
  2. Sos Assotziados depent tènnere unu cumportamentu curretu siat in sas relatas intre sos àteros Sòtzios, siat cun àteras pessones. Sa dimanda de adesione a s’Assòtziu “Sardigna nostra” benit bardiada dae su Cossìgiu Diretivu cunforme a sas normas tentas in su presente Istatutu.
  3. Sos Assotziados sunt classificados in duas categorias: Sòtzios Fundadores e Sòtzios Ordinàrios. Sos primos sunt cussos chi ant leadu parte a sa costitutzione de s’Assòtziu, sos segundos cussos prus mannos de 18 annos chi ant a intrare fatu fatu.
  4. Si podet colare dae Assotziadu Ordinàriu a Assotziadu Fundadore a pustis ebbia de unu tzertu tempus de atividade fata in s’Assòtziu e cun detzisione de su Cossìgiu Diretivu.
  5. Siat sos Assotziados Fundadores che sos Assotziados Ordinàrios podent leare parte a sas Assembleas, chistionare e presentare propostas.
  6. Sos Assotziados Fundadores mantenent su diritu de indiritzu programmàticu e de votu.
  7. Sa calidade de Assotziadu si perdet pro dimissiones, morte e indignidade deliberada dae su Cossìgiu Diretivu. In casu de pèrdida de sa cunditzione de Assotziadu decretada dae su Cossìgiu Diretivu, s’Assotziadu dimissionàriu o dimissionadu non podet pedire perunu diritu o pretèndida dae s’Assòtziu.

  

Art. 6

Diritos e òbligos de sos Assotziados

 

  1. Tutu sos Assotziados ant diritu de leare parte a sas Assembleas, fàghere su traballu cuncordadu innantis e bessire dae s’Assòtziu.
  2. Sos Assotziados fundadores ebbia ant diritu de votu. Sos Assotziados depent votare de pessone. In casu ebbia de impossibilidade, si podent fàghere rapresentare cun delega frimmada.
  3. Sa calidade de Assotziadu non si podet dare a àteros in bida, nen lassare in erèntzia.
  4. Sos Assotziados sessant de fàghere parte de s’Assòtziu pro: a) Dimissiones voluntàrias; b) Morte; c) Indignidade deliberada dae su Cossìgiu Diretivu.

  

Art. 7

Òrganos

 

  1. Sunt Òrganos de s’Assòtziu:

-          Assemblea de sos Assotziados;

-          Presidente;

-          Cossìgiu Diretivu.

 

Art. 8

Assemblea de sos Assotziados

 

  1. S’Assemblea est costituida dae totu sos Assotziados de s’Assòtziu. Issa est presièdida e cunvocada dae su Presidente, in bia ordinària nessi una borta a s’annu e in bia istraordinària ogni borta chi su Presidente cretat siat netzessàriu, cun nessi 7 dies de preavisu pro mèdiu de sa mail o cun sa publicatzione in su giassu internet de s’Assòtziu.
  2. De s’Assemblea nde faghent parte siat sos Assotziados fundadores siat sos Assotziados ordinàrios. Totu sos Assotziados ant diritu de proposta e chistionamentu, ma sos Assotziados fundadores ebbia ant diritu de votu.
  3. S’Assemblea de sos Assotziados fundadores si reunit de diritu su mese de ghennàrgiu pro elègere su Presidente e su Cossìgiu Diretivu. In sa matessi sètzida, s’Assemblea aprovat su rendicontu econòmicu e finantziàriu consuntivu de s’atividade fata e su contu econòmicu preventivu cun annissu su programma chi li pertocat.
  4. In prima cunvocatzione s’Assemblea est costituida regulare cun sa presèntzia de sa meidade prus unu de sos Assotziados. In segunda cunvocatzione est costituida regulare cun calesisiat nùmeru de sos Assotziados presentes.
  5. S’Assemblea at sos còmpitos chi sighint:

-          Elègere: a) su Presidente;

                           b) sos membros de su Cossìgiu Diretivu;

      -    Aprovare:

                               1) su rendicontu econòmicu e finantziàriu consuntivu;

                               2) su contu econòmicu preventivu e su programma de sas atividades;

                               3) sas pedidas de mudamentu de s’Istatutu.

 

 

Art. 9

Su Cossìgiu Diretivu

 

  1. Su Cossìgiu Diretivu est cumpostu dae 3 o prus membros: su Presidente, su Vise Presidente e su Segretàriu. Su Tesoreri e àteros membros sunt elègidos dae s’Assemblea de sos Assotziados fundadores.
  2. Podet èssere elègidu in su Cossìgiu Diretivu chie est Assotziadu fundadore ebbia.
  3. Su Cossìgiu Diretivu durat in càrriga tres annos e podet èssere torradu a elègere. 
  4. Su Cossìgiu Diretivu si reunit cun cunvocatzione de su Presidente.
  5. Su Cossìgiu Diretivu at sos còmpitos chi sighint:

-          inditare sas diretivas pro s’atuatzione de su programma;

-          detzìdere subra s’atividade e sas initziativas de s’Assòtziu;

-          istruire sas pràticas pro sa presentatzione de candidados o listas de candidados a sas eletziones rapresentativas de ogni genia e in dogni logu;

-          seberare sos candidados a sas consultatziones eletorales in casu de sèbera non cundivisa dae sos Sòtzios;

-          sutapònnere a s’aprovu de s’Assemblea su contu econòmicu preventivu e su consuntivu annuale;

-          acollire o negare sas dimandas de sos aspirantes assotziados; fàghere sessare pro indignidade sos Sòtzios.

  1. Sas deliberatziones de su Cossìgiu Diretivu sunt leadas a majoria de votos de sos presentes. In casu de paridade de votos balet cussu de su Presidente. Sas deliberatziones de su Cossìgiu Diretivu sunt bàlidas si a sa reunione leant parte nessi s’una parte de tres membros.

 

 

Art. 10

Su Presidente

 

  1. Su Presidente de s’Assòtziu, chi est fintzas Presidente de s’Assemblea e de su Cossìgiu Diretivu, est elègidu dae s’Assemblea a majoria de sos votos de sos Assotziados fundadores.
  2. Su Presidente durat in càrriga tres annos e podet èssere torradu a elègere.
  3. Podet èssere elègidu Presidente un’Assotziadu fundadore ebbia.
  4. Su Presidente rapresentat legalmente s’organizatzione in sos cunfrontos de àteras pessones e in giudìtziu; cunvocat e presiedit sas reuniones de s’Assemblea e de su Cossìgiu.
  5. In casu de netzessidade e de urgèntzia, leat sos provedimentos de cumpetèntzia de su Cossìgiu Diretivu, sutaponèndelos a ratìfica in sa prima reunione chi sighit.
  6. In caso di Assèntzia, impidimentu o sessada, sas funtziones chi li pertocant sunt leadas dae su Vise Presidente.

 

Art. 11

Su Vise Presidente

 

  1. Su Vise Presidente, numenadu dae s’Assemblea, leat su logu de su Presidente in totu sas funtziones suas cada borta custu s’agatet in s’impossibilidade de lu fàghere.

 

Art. 12

Su Segretàriu

 

  1. Su Segretàriu, numenadu dae s’Assemblea, agiudat su Presidente e tenet sos còmpitos chi sighint:

-          provedit a tènnere e a annoare su registru de sos Assotziados;

-          provedit a isbrigare sa currispondèntzia;

-          est responsàbile de sa redatzione e de s’arribbu de sos verbales de sas reuniones de sos òrganos collegiales;

-          predisponet, umpare a su Tesoreri, s’ischema de su contu econòmicu preventivu e consuntivu, chi sutaponet a su Cossìgiu Diretivu;

-          provedit a sa tènnida de sos registros e de sa contabilidade de s’Assòtziu, in prus che a s’arribbu de sa matessi documentatzione;

-          provedit a incassiare sas intradas e a pagare sas ispesas in cunformidade a sas detzisiones de su Cossìgiu Diretivu.

  

Art. 13

Su Tesoreri

 

  1. Su Tesoreri, numenadu dae s’Assemblea, at su còmpitu de:

-          bardiare subra sa tènnida de sas giacèntzias de cassa;

-          bardiare subra sa tènnida de sa contabilidade de s’Assòtziu;

-          incassiare sas cuotas de sos Assotziados;

-          produire sa documentatzione chi pertocat su contu econòmicu consuntivu e preventivu;

-          provìdere a sos pagamentos deliberados dae su Cossìgiu Diretivu;

-          curare sas bisuras contàbiles chi interessant sos mudamentos de s’Atu Costitutivu e s’isorvimentu de s’Assòtziu.

  

Art. 14

Donu/debadas e durada de sas càrrigas

 

1.      Totu sas càrrigas sotziales sunt in donu/debadas. Issas ant durada de tres annos e podent èssere recunfirmadas.

2.      Sos membros de s’Assòtziu podent retzire cumpensos a tìtulu de rembursos de ispesas.


 

Art. 15

Resorsas econòmicas

 

  1. S’Assòtziu bogat sas resorsas econòmicas pro su funtzionamentu e su fàghere de s’atividade pròpia dae:

-          cuotas assotziativas e contributos de sos Assotziados;

-          contributos privados;

-          contributos dae organismos internatzionales;

-          contributos o suventziones dae sa Regione Autònoma de Sardigna, dae sa Repùblica Italiana, dae sa Comunidade Europea e dae ogni Ente o Organismu pùblicu;

-          donatziones e lassadas testamentàrias;

-          rembursos chi benint dae cumbentziones o dae s’8 pro milli a sos Assòtzios chentza iscopu de lucru;

-          intradas chi benint dae atividade de s’Assòtziu;

-          rèndidas de benes mòbiles e immòbiles bènnidos a s’Assòtziu a calesisiat tìtulu.

  1. Sos fundos sunt depositados in s’Istitutu de crèditu istabilidu dae su Cossìgiu Diretivu. Su servìtziu de cassa at a èssere disimpignadu dae su Tesoreri o dae un’Istitutu bancàriu. Ogni operatzione at a èssere annotada indunu registu apòsitu.
  2. Ogni operatzione finantziària est dispònnida cun firmas cungiuntas de su Presidente e de su Segretàriu.

 

Art. 16

Cuota sotziale

 

  1. Sa cuota assotziativa a càrrigu de sos Assotziados est inditada dae s’Assemblea. Issa non si podet ischirriare nen torrare a dare in casu de morte o pèrdida de sa calidade de Assotziadu.
  2. Sos Assotziados podent contribuire volontariamente a s’incrementu de sas resorsas econòmicas de s’Assòtziu cun su versamentu de sas cuotas assotziativas integrativas.

  

Art. 17

Bilàntziu

 

  1. Ogni annu depent èssere redados a cura de su Cossìgiu Diretivu su contu econòmicu preventivu e consuntivu de sutapònnere a s’aprovu de s’Assemblea de sos Assotziados fundadores chi at a detzìdere a majoria de sos votos.
  2. Dae su contu econòmicu consuntivu depent resurtare sos benes, sos contributos e sos donos retzidos.
  3. S’esercìtziu finantziàriu incumentzat su 1u de ghennàrgiu e agabbat su 31 de nadale/idas.
  4. Su contu econòmicu preventivu e su contu consuntivu depent èssere presentados a s’Assemblea de sos Sòtzios fundadores pro s’aprovu intro su 31 de ghennàrgiu.

  

Art. 18

Mudamentos a s’Istatutu

 

1.      Sas propostas de mudamentu a s’Istatutu podent èssere presentadas a s’Assemblea dae sos Assotziados fundadores ebbia. Sas deliberatziones chi lis pertocant sunt aprovadas dae s’Assemblea cun su votu favorèvole de sa majoria de su totu de sos Assotziados fundadores de s’Assòtziu.

 

Art. 19

Bilinguismu de s’Istatutu

 

  1. Su presente Istatutu est redadu in limba sarda e in limba italiana.
  2. In sas Assembleas sos sòtzios sunt lìberos de impreare sa limba sarda o sa limba italiana.
  3. Sos verbales de sas Assembleas depent èssere iscritos siat in sardu che in italianu.

 

Art. 20

Isorvimentu de s’Assòtziu

 

1        In casu de isorvimentu, sessada o istintzione de s’Assòtziu sos benes chi abbarrant a pustis de s’esaurimentu de sas licuidatziones sunt devoludos a àteros Assòtzios cun matessi intentos.

2        S’isorvimentu de s’Assòtziu no at a pòdere èssere deliberadu si nono dae s’Assemblea, e at a èssere votadu a majoria de duas subra tres partes de sos Sòtzios fundadores.

  

Art. 21

Normas de reimbiu

 

  1. Pro cantu no est prebìdidu dae su presente Istatutu, si leant a inditu sos vigentes disponimentos legislativos in matèria.

 

  FIRMADU in Tàtari su 16/06/2016 dae sos Sòtzios fundadores: Bartolomeo Porcheddu, Pietro Mura e Mario Demontis. 



STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE

“SARDIGNA NOSTRA”

  

Art. 1

Costituzione

 

  1. E’ costituita l’Associazione “SARDIGNA NOSTRA”.
  2. L’Associazione ha sede provvisoria in Sassari, via XXIV Maggio n° 19. La variazione della sede non costituisce modifica allo Statuto.
  3. I contenuti e la struttura dell’organizzazione sono democratici.

  

Art. 2

Scopi e finalità

 

  1. L’Associazione “Sardigna nostra” ha struttura democratica ed è costituita senza fine di lucro. Essa ha durata illimitata nel tempo.
  2. L’Associazione nasce con lo scopo di promuovere, per mezzo dell’azione politica di un Movimento identitario sardo denominato “Sardigna nostra”, che è parte integrante della presente Associazione, il benessere dei Sardi e il progresso della Sardegna.
  3. L’obiettivo principale dei Soci sarà quello di migliorare la condizione sociale dei Sardi attraverso la creazione di un posto di lavoro per ogni cittadino. Nessun Sardo dovrà trovarsi senza un’abitazione in cui vivere e senza un reddito che possa garantirgli una vita dignitosa.
  4. Per il raggiungimento di questi traguardi l’Associazione promuoverà, attraverso il suo movimento identitario sardo “Sardigna nostra”, organizzato a livello locale, regionale, nazionale ed europeo, la perequazione e la solidarietà fra i Sardi.
  5. Il Movimento porterà avanti una politica di riavvicinamento fra i Sardi della Sardegna e i Sardi che vivono all’Estero, e creerà le condizioni ottimali perché gli emigrati sardi possano tornare o soggiornare nella loro madre patria.
  6. Il Movimento identitario “Sardigna nostra” promuoverà a tutti i livelli l’uguaglianza fra uomini e donne e creerà le condizioni per garantire pari accesso di genere in ogni settore della società.
  7. L’azione politica del Movimento identitario “Sardigna nostra” sarà rivolta al potenziamento dei settori trainanti dell’economia sarda: pastorizia, agricoltura, turismo, artigianato, manifatture, produzione agroalimentare, industria di trasformazione, conservazione e distribuzione/commercializzazione dei prodotti sardi; nonché alla ricerca di nuove attività produttive che alimentino il tessuto economico isolano.
  8. Potenziali e ingenti risorse dovranno essere liberate con la dismissione delle basi militari che ormai da troppo tempo hanno sottratto e tolgono oggi alla Sardegna porzioni enormi di territorio che, riorganizzate, potranno contribuire alla creazione di nuova ricchezza per i Sardi.  
  9. Sarà priorità della azione politica del Movimento “Sardigna nostra” la realizzazione di una continuità territoriale vera, che consenta a uomini e merci la libera circolazione con il Continente italiano, europeo e mondiale a prezzi economici in modo che ogni individuo, sardo e non, possa attraversare il mare con navi e aerei alle migliori condizioni di mercato.
  10. La comunicazione interna della Sardegna, che per la sua arretratezza costituisce una vergogna nazionale ed europea, sarà uno dei principali temi presenti nel programma del Movimento “Sardigna nostra”, poiché non ci potrà essere alcun sviluppo in Sardegna senza un’efficiente sistema di collegamento interno. Pertanto l’Isola dovrà essere dotata di strade a scorrimento veloce e di ferrovie elettrificate che mettano in comunicazione il territorio con le città, i porti e gli aeroporti.
  11. Il Movimento “Sardigna nostra” promuoverà, sfruttando soprattutto le potenzialità naturali della nostra terra, l’accesso alle energie rinnovabili con l’utilizzo delle nuove tecnologie per catturare dal sole, dal mare, dalle acque e dall’aria le risorse energetiche di cui la nostra isola necessita. Il Movimento, avvalendosi delle norme dello Statuto sardo, creerà le condizioni legislative affinché la gestione delle energie rinnovabili non cada in mano a speculatori e sia organizzata e diretta dalle popolazioni locali coordinate a livello regionale.
  12. Il Movimento identitario “Sardigna nostra”, relativamente all’art. 3, lettera m, dello Statuto Autonomo della Sardegna sull’esercizio dei diritti demaniali e patrimoniali della Regione sulle miniere, cave e saline, legifererà per un blocco delle concessioni in aree di interesse naturalistico, paesaggistico, archeologico o agricolo. La comunità su cui insisterà la concessione dovrà in ogni caso ottenere un beneficio che la ricompensi dallo sfruttamento del suo territorio.
  13. Il Movimento “Sardigna nostra” proporrà per tutti i Sardi la fruizione libera delle terre comuni, delle acque, delle foreste, delle spiagge e di qualsiasi altro bene pubblico. All’interno dei luoghi pubblici, saranno garantiti anche i servizi a pagamento per coloro che vorranno accedere alle strutture private ricreative.
  14. L’acqua pubblica, come bene essenziale e primordiale, non sarà trattata alla stessa stregua dei prodotti commerciali ma sarà di proprietà del popolo sardo; il suo utilizzo e la sua fruizione saranno garantiti ai Sardi a condizioni popolari.
  15. Ogni cittadino della Sardegna ha diritto di vivere in un ambiente sano e di curarsi nelle strutture sanitarie pubbliche. Per la realizzazione di questi due importanti obiettivi, il Movimento identitario “Sardigna nostra” proporrà la riorganizzazione dalle fondamenta di tutto il sistema sanitario della Sardegna, che divora per la sua incapacità gestionale più della metà del bilancio regionale.
  16. Il Movimento “Sardigna nostra” si impegnerà a costruire una Sardegna identitaria, in cui la lingua e la cultura sarda siano presenti in tutte le scuole di ogni ordine e grado e nella Pubblica Amministrazione. Le Università della Sardegna, che dovranno rappresentare la vera forza della ricerca e del progresso, saranno dotate di corsi di studio per la valorizzazione della lingua e della cultura sarda.
  17. I monumenti della Sardegna, trascurati e abbandonati da secoli, saranno oggetto di attenzione da parte del Movimento “Sardigna nostra” che, attraverso un programma specifico, darà inizio alla preservazione e fruizione del nostro importante patrimonio archeologico.
  18. Il Movimento si impegnerà inoltre a condurre un’azione di tutela e promozione dei Beni Culturali della Sardegna, delle Tradizioni popolari sarde, dell’arte, della letteratura, della musica, dello spettacolo, dell’enogastronomia e di ogni altra forma di cultura della Sardegna.
  19. Sfruttando le potenzialità del nostro Statuto Speciale, artt. 9 e 10, sarà costituita l’Agenzia Sarda delle Entrate, che non avrà un braccio armato per vessare o rovinare i cittadini, ma uffici di conciliazione per consentire a tutti, in rapporto alle proprie condizioni economiche, di pagare le tasse in modo equo.
  20. In considerazione dell’art. 12 dello Statuto autonomo della Sardegna, saranno istituiti “Punti franchi” in quei settori e territori che si riterranno strategici, in modo da garantire una efficace azione fiscale volta ad attirare investimenti e a creare nuovi posti di lavoro.
  21. Sarà in fine compito del Movimento “Sardigna nostra” proporre alle forze politiche sarde e alla società sarda in generale la revisione dello Statuto Speciale sardo, così come disciplinato dall’art. 54 della stessa Legge costituzionale, che ormai non rispecchia più la realtà attuale.

  

Art. 3

Stemma o simbolo

 

1.      L’Associazione “Sardigna nostra” ha come stemma un guerriero nuragico (arciere) posto su un nuraghe di sfondo scuro, su campo rosso blu, in cui sono presenti quattro mori rivolti verso il nuraghe. In alto è riprodotta la scritta di colore bianco “Sardigna nostra” e in basso il sottotitolo “Movimentu identitàriu sardu”.

 

Art. 4

Oggetto sociale e attività

 

1        L’Associazione “Sardigna nostra” ha per fine sociale il benessere dei Sardi e il progresso della Sardegna, nonché la costruzione di una società identitaria dei Sardi.

  1. L’Associazione si avvarrà per la propria azione politica di un Movimento identitario sardo denominato “Sardigna nostra”, che opererà sia a livello locale nei singoli centri dell’Isola, sia a livello regionale e extraregionale, con la presentazione di proprie liste di candidati per tutte le consultazioni elettorali al fine di far eleggere i propri rappresentanti nelle istituzioni dei territori interessati dalle votazioni.
  2. I candidati alle elezioni saranno scelti a maggioranza dai Soci con le modalità decise dal Consiglio Direttivo e dovranno essere iscritti all’Associazione. In caso di scelte non condivise, sarà il Consiglio Direttivo ad esprimere l’ultima parola.
  3. La decisione presa dal Consiglio Direttivo per la scelta e revoca dei candidati alle consultazioni elettorali è inappellabile.  
  4. Il Movimento “Sardigna nostra” si impegnerà in una azione volta alla nascita di una federazione di tutte le forze politiche che abbiano come principale obiettivo il benessere dei Sardi e il progresso della Sardegna, senza condizionamenti di partiti e movimenti esterni all’Isola.

  

Art. 5

Gli Associati

 

  1. Possono essere Associati dell’Associazione “Sardigna nostra” tutti i cittadini, anche non residenti in Sardegna, che ne condividano le finalità, accettino e sottoscrivano le norme del presente Statuto.
  2. Gli Associati sono tenuti ad un comportamento corretto sia nelle relazioni interne con gli altri Soci, sia con i terzi. La richiesta di adesione alla Associazione “Sardigna nostra” è vagliata dal Consiglio Direttivo secondo le norme contenute nel presente Statuto.
  3. Gli Associati sono classificati in due categorie: Soci Fondatori e Soci Ordinari. I primi sono quelli che hanno partecipato alla costituzione dell’Associazione, i secondi quelli maggiori di anni 18 che subentreranno in seguito.
  4. Si può passare da Associato Ordinario a Associato Fondatore solo dopo un certo periodo di attività all’interno dell’Associazione e su decisione del Consiglio Direttivo.
  5. Sia gli Associati Fondatori che gli Associati Ordinari possono partecipare alle Assemblee, discutere e presentare proposte.
  6. Gli Associati Fondatori mantengono il diritto di indirizzo programmatico e di voto.
  7. La qualità di Associato si perde per dimissioni, morte e indegnità deliberata dal Consiglio Direttivo. In caso di perdita della condizione di Associato decretata dal Consiglio Direttivo, l’Associato dimissionario o dimissionato non può rivendicare alcun diritto o pretesa sull’Associazione.

Art. 6

Diritti e obblighi degli Associati

 

  1. Tutti gli Associati hanno diritto di partecipare alle Assemblee, svolgere il lavoro preventivamente concordato e recedere dall’appartenenza all’Associazione.
  2. Solo gli Associati fondatori hanno diritto di voto. Gli Associati devono votare personalmente. Solo in caso di impossibilità, possono farsi rappresentare con delega firmata.
  3. La qualifica di Associato non è trasmissibile per atti tra vivi, né per successione.
  4. Gli Associati cessano di appartenere all’Associazione per: a) Dimissioni volontarie; b) Morte; c) Indegnità deliberata dal Consiglio Direttivo.

  

Art. 7

Organi

 

  1. Sono Organi dell’Associazione:

-          Assemblea degli Associati;

-          Presidente;

-          Consiglio Direttivo.

 

Art. 8

Assemblea degli Associati

 

  1. L’Assemblea è costituita da tutti gli Associati dell’Associazione. Essa è presieduta e convocata dal Presidente, in via ordinaria almeno una volta l’anno e in via straordinaria ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno, con almeno 7 giorni di preavviso per mezzo mail o con la pubblicazione sul sito internet dell’Associazione.
  2. Dell’Assemblea fanno parte sia gli Associati fondatori sia gli Associati ordinari. Tutti gli Associati hanno diritto di proposta e discussione, ma solo gli Associati fondatori hanno diritto di voto.
  3. L’Assemblea degli Associati fondatori si riunisce di diritto nel mese di gennaio per eleggere il Presidente e il Consiglio Direttivo. Nella stessa seduta, l’Assemblea approva il rendiconto economico e finanziario consuntivo dell’attività svolta e il conto economico preventivo con annesso il relativo programma.
  4. In prima convocazione l’Assemblea è regolarmente costituita con la presenza della metà più uno degli Associati. In seconda convocazione è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli Associati presenti.
  5. L’Assemblea ha i seguenti compiti:

-          Eleggere: a) il Presidente;

                             b) i membri del Consiglio Direttivo;

      -    Approvare:

                               1) il rendiconto economico e finanziario consuntivo;

                               2) il conto economico preventivo e il programma delle attività;

                               3) le richieste di modifica dello Statuto.

  

Art. 9

Il Consiglio Direttivo

 

  1. Il Consiglio Direttivo è composto da 3 o più membri: il Presidente, il Vice Presidente e il Segretario. Il Tesoriere e altri membri sono eletti dall’Assemblea degli Associati fondatori.
  2. Può essere eletto nel Consiglio Direttivo solo chi è Associato fondatore.
  3. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni e può essere rieletto. 
  4. Il Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione del Presidente.
  5. Il Consiglio Direttivo ha i seguenti compiti:

-          fissare le direttive per l’attuazione del programma;

-          decidere sull’attività e le iniziative dell’Associazione;

-          istruire le pratiche per la presentazione di candidati o liste di candidati alle elezioni rappresentative di ogni genere e in ogni luogo;

-          scegliere i candidati alle consultazioni elettorali in caso di scelte non condivisione fra i Soci;

-          sottoporre all’approvazione dell’Assemblea il conto economico preventivo e il consultivo annuale;

-          accogliere o rigettare le domande degli aspiranti associati; far cessare per indegnità i Soci.

  1. Le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono prese a maggioranza di voti dei presenti. In caso di parità di voti prevale quello del Presidente. Le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono valide se alla riunione prende parte almeno un terzo dei membri.

  

Art. 10

Il Presidente

 

  1. Il Presidente dell’Associazione, che è anche Presidente dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo, è eletto dall’Assemblea a maggioranza dei voti degli Associati fondatori.
  2. Il Presidente dura in carica tre anni e può essere rieletto.
  3. Può essere eletto Presidente solo un Associato fondatore.
  4. Il Presidente rappresenta legalmente l’organizzazione nei confronti di terzi e in giudizio; convoca e presiede le riunioni dell’Assemblea e del Consiglio.
  5. In caso di necessità e di urgenza, assume i provvedimenti di competenza del Consiglio Direttivo, sottoponendoli a ratifica nella prima riunione successiva.
  6. In caso di Assenza, impedimento o di cessazione, le relative funzioni sono svolte dal Vice Presidente.

 

Art. 11

Il Vice Presidente

 

  1. Il Vice Presidente, nominato dall’Assemblea, sostituisce il Presidente in tutte le sue funzioni ogni qual volta questi si trovi nell’impossibilità di farlo.

  

Art. 12

Il Segretario

 

  1. Il Segretario, nominato dall’Assemblea, coadiuva il Presidente ed ha i seguenti compiti:

-          provvede alla tenuta ed all’aggiornamento del registro degli Associati;

-          provvede al disbrigo della corrispondenza;

-          è responsabile della redazione e della conservazione dei verbali delle riunioni degli organi collegiali;

-          predispone, insieme al Tesoriere, lo schema del conto economico preventivo e consuntivo, che sottopone al Consiglio Direttivo;

-          provvede alla tenuta dei registri e della contabilità dell’Associazione, nonché alla conservazione della relativa documentazione;

-          provvede alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese in conformità alle decisioni del Consiglio Direttivo.

  

Art. 13

Il Tesoriere

 

  1. Il Tesoriere, nominato dall’Assemblea, ha il compito di:

-          vigilare sulla tenuta delle giacenze di cassa;

-          vigilare sulla tenuta della contabilità dell’Associazione;

-          riscuotere le quote associative;

-          produrre la documentazione relativa al conto economico consuntivo e preventivo;

-          provvedere ai pagamenti deliberati dal Consiglio Direttivo;

-          curare gli aspetti contabili inerenti le modifiche dell’Atto Costitutivo e lo scioglimento dell’Associazione.

  

Art. 14

Gratuità e durata delle cariche

 

1.      Tutte le cariche sociali sono gratuite. Esse hanno durata triennale e possono essere riconfermate.

2.      I membri dell’Associazione possono ricevere compensi a titolo di rimborso spese.

 

Art. 15

Risorse economiche

 

  1. L’Associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento della propria attività da:

-          quote associative e contributi degli Associati;

-          contributi privati;

-          contributi da organismi internazionali;

-          contributi o sovvenzioni dalla Regione Autonoma della Sardegna, dalla Repubblica Italiana, dalla Comunità Europea e da ogni Ente o Organismo pubblico;

-          donazioni e lasciti testamentari;

-          rimborsi derivanti da convenzioni o dall’8 x mille destinati alle Associazioni senza scopo di lucro;

-          entrate derivanti da attività dell’Associazione;

-          rendite di beni mobili e immobili pervenuti all’organizzazione a qualunque titolo.

  1. I fondi sono depositati presso l’Istituto di credito stabilito dal Consiglio Direttivo. Il servizio di cassa verrà disimpegnato dal Tesoriere o da un Istituto bancario. Ogni operazione dovrà essere annotata su apposito registro.
  2. Ogni operazione finanziaria è disposta con firme congiunte del Presidente e del Segretario.


 

Art. 16

Quota sociale

 

  1. La quota associativa a carico degli Associati è fissata dall’Assemblea. Essa non è frazionabile né ripetibile in caso di recesso o di perdita della qualità di Associato.
  2. Gli Associati possono contribuire volontariamente all’incremento delle risorse economiche dell’Associazione con il versamento delle quote associative integrative.

  

Art. 17

Bilancio

 

  1. Ogni anno devono essere redatti a cura del Consiglio Direttivo il conto economico preventivo e consuntivo da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea degli Associati fondatori che deciderà a maggioranza dei voti.
  2. Dal conto economico consuntivo devono risultare i beni, i contributi e i lasciti ricevuti.
  3. L’esercizio finanziario comincia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre.
  4. Il conto economico preventivo e il conto consuntivo dovranno essere presentati all’Assemblea dei Soci fondatori per l’approvazione entro il 31 gennaio.

  

Art. 18

Modifiche allo Statuto

 

1.      Le proposte di modifica allo Statuto possono essere presentate all’Assemblea solo dagli Associati fondatori. Le relative deliberazioni sono approvate dall’Assemblea con il voto favorevole della maggioranza assoluta degli Associati fondatori dell’Associazione.

 

Art. 19

Bilinguismo dello Statuto

 

  1. Il presente Statuto è redatto in lingua sarda e in lingua italiana.
  2. Nelle Assemblee i soci sono liberi di utilizzare la lingua sarda o la lingua italiana.
  3. I verbali delle Assemblee devono essere scritti sia in sardo che in italiano.

 

Art. 20

Scioglimento dell’Associazione

 

1        In caso di scioglimento, cessazione o estinzione dell’Associazione i beni che residuano dopo l’esaurimento della liquidazione sono devoluti ad altre Associazioni con scopi simili.

2        Lo scioglimento dell’Associazione non potrà essere deliberato che dall’Assemblea, e dovrà essere votato a maggioranza dei due terzi dai Soci fondatori.

  

Art. 21

Norme di rinvio

 

  1. Per quanto non previsto dal presente Statuto, si fa riferimento alle vigenti disposizioni legislative in materia.

 

 

FIRMATO a Sassari il 16/06/2016 dai Soci fondatori: Bartolomeo Porcheddu, Pietro Mura e Mario Demontis.